NAPOLI (di Federica Colucci)- La magia delle note musicali avvolgerà Napoli ancora una volta: dal 23 marzo, sulle dolci note di Piano City Napoli l’intera città si trasformerà in un grande palco a cielo aperto. Stando ai numeri, la kermesse prevede 200 eventi gratuiti, 300 pianisti coinvolti, 60 house concert, 160 ore di musica per i 3 giorni del Festival visitato nelle precedenti edizioni da oltre 30.000 persone. Non solo: sono 49 le location sparse per la città, fra cui palazzi storici, i musei (basti dire il MANN e il Madre), l’università, le scuole e perfino l’aeroporto. In altre parole, dal centro alla periferia, ogni quartiere sarà avvolto e ammaliato dalla sinfonia delle note musicali dei pianoforti di Piano City Napoli, evento giunto alla sua quinta edizione.

Organizzato e promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli in collaborazione con l’associazione NapoliPiano, l’evento ha il patrocinio del FAI e vede come media partner l’agenzia Livecode. È stato presentato nelle scorse ore a Palazzo San Giacomo, in una conferenza stampa che ha visto sedere al tavolo dei relatori un entusiasta Nino Daniele, assessore alla Cultura del Comune di Napoli (che in un accorato intervento ha chiesto a “Napoli di essere grata agli organizzatori di questo evento”); Marco Napolitano, presidente dell’associazione NapoliPiano; Dario Candela, direttore artistico Piano City Napoli sezione classica; Francesco D’Errico, direttore artistico Piano City Napoli sezione jazz contemporanea; Cristiano Bernardi, coordinamento artistico Piano City Napoli.

L’apertura – che promette di essere suggestiva – è prevista per la sera del 23 marzo: una sfilata di 21 pianoforti sotto il colonnato di Piazza del Plebiscito darà il via al primo concerto a cura di Patrizio Marrone. Non meno atteso l’evento del giorno seguente, quando Andreas Kern, ideatore del festival, porterà “La Spontaneità” al Teatro Area Nord di Piscinola.

Altri tre i concerti annoverabili nei main events: sabato 24 marzo, nella Sala dei Baroni, alle 20 si terrà il Mariangela Vacatello Recital e alle 21.30 ci sarà Franco D’Andrea (piano solo jazz). Domenica 25 marzo alle 21, sempre nella Sala dei Baroni, Marian Mika suona Chopin, di cui è uno dei maggiori interpreti universalmente riconosciuti. Ancora, domenica 25 marzo alle 21, nello spazio del Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova, un altro evento con Dado Moroni in “Piano Solo & Talks”.

A questi appuntamenti di pregevole rilevanza artistica si affiancano centinaia di iniziative – non solo concerti ma anche laboratori, talk e iniziative culturali. Un programma talmente ampio e variegato che è riassunto nel programma scaricabile dal nuovo sito internet di Piano City Napoli all’indirizzo https://js.pianocitynapoli2018.it/wp-content/uploads/2018/03/programma_pianocity_2018.pdf.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments