_FestivalpremiazioneCompagniadelGiullare

CASAMARCIANO- Nel 400esimo anniversario della morte di William Shakespeare la “Compagnia del Giullare” di Salerno vince il Festival nazionale del teatro “Scenari Casamarciano” con l’Amleto.

Gli artisti, diretti dal regista Andrea Carraro, hanno conquistato giuria popolare e giuria tecnica, coordinate da Totò Nicosia, con la messa in scena di due ore e ventidue minuti, senza intervalli, che ha letteralmente “stregato” Santa Maria del Plesco. A ritirare il riconoscimento è stato il regista Carraro che ha ringraziato pubblico ed organizzatori della kermesse per “il rispetto ed il silenzio con cui hanno seguito un’opera impegnativa come l’Amleto”.  A raddoppiare la soddisfazione degli artisti salernitani, il premio per il migliore attore andato ad Andrea Bloise per la sua interpretazione del tenebroso principe di Danimarca. Nel corso della serata altre onorificenze sono andate a due attrici, premiate ex aequo: si tratta di Gilda Pegoraro del Cantiere Teatrale Nautilus di Vicenza, tra le protagoniste de “La Presidentessa”, e di Lucia Ricalzone de “Il Piccolo di Imola” che a Casamarciano ha presentato “Killer” di Aldo Nicolaj.La consegna dei riconoscimenti è stata solo una parte della serata di gala condotta dalla direttrice artistica della kermesse Veronica Mazza con Pietro Pignatelli. Una serata  che ha vissuto momenti di rara emozione quando  sul palco della manifestazione sono saliti due mostri sacri del teatro italiano: Paola Gassman e Roberto Herlitzka, entrambi premiati per la lunga e prestigiosa carriera. Paola Gassman ha ricevuto la maschera iridata, simbolo di “Scenari”,  dal Magnifico Rettore dell’Università Federico II di Napoli Gaetano Manfredi che ha ricordato il rinnovato impegno dell’antico ateneo per la cultura teatrale grazie alla creazione di una corso di letteratura e teatro: “Una occasione culturale importante-ha spiegato lo stesso Manfredi- in una città come Napoli dalla lunga e blasonata storia teatrale”.  A premiare Roberto Herlitzka è stato invece l’onorevole Massimiliano Manfredi.Il gala di chiusura della sesta edizione di “Scenari Casamarciano”, curato dal regista  Rosario Galli,  ha poi accolto sul palco la bella e brava Serena Autieri, madrina della manifestazione che ha incantato i presenti cantando tre brani della tradizione napoletana. Chiusura scoppiettante con la comicità irresistibile di Francesco Paolantoni, un finale travolgente per una serata che ha regalato momenti indimenticabili al pubblico che anche ieri sera, nonostante il maltempo, ha riempito la platea della tensostruttura di via Puccini, diventata la “seconda casa” del festival ed allestita in tempo record quando la pioggia ha reso impossibile lo spettacolo nel Belvedere di Santa Maria del Plesco.“Chiudiamo un’edizione esaltante che dedichiamo alla nostra comunità-dichiara il sindaco di Casamarciano Andrea Manzi-. Una comunità che si dimostra sempre il valore aggiunto di questa manifestazione nata dalla volontà di puntare sulla valorizzazione dell’identità collettiva non solo di Casamarciano ma dell’intero Nolano.  Un plauso va a chi ha lavorato sopra e dietro il palco per consentire la migliore riuscita di ogni serata, per superare le emergenze e le difficoltà che si incontrano in una manifestazione che dura undici giorni, ai soci sostenitori ed agli sponsor che anche stavolta hanno creduto in noi, investito su di noi e permesso a questo festival di esistere e funzionare senza pesare su soldi pubblici. Con l’animo pieno delle emozioni di queste undici serate,  cominceremo già da domani a lavorare per la settima edizione convinti che stiamo seguendo la strada giusta”.  

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments