year

BOSCOREALE- Successo per gli alunni dell’istituto comprensivo I Cangemi di Boscoreale (Napoli) che si sono aggiudicati il primo posto dello ‘Speaker of the year’, primo talent school in lingua inlese.

Il riconoscimento è stato consegnato alla scuola secondaria di primo grado a Città della Scienza di Napoli nell’ambito della manifestazione ‘Smart Education and Technology days, tre giorni per la scuola’. “Speaker of the Year” è stato promosso dal Miur, dal Polo Qualità e dal British Institutes di Napoli, rappresentante per il territorio italiano di English Speaking Board, ente certificatore internazionale delle competenze linguistiche per la lingua inglese. Il concorso si proponeva l’obiettivo di valorizzare le competenze in lingua come strumento di comunicazione orientato alla divulgazione e alla promozione del proprio territorio e indirettamente delle diversità e delle bellezze di tutta Italia.Tra circa 500 scuole partecipanti di tutta Italia con ben 10.854 alunni coinvolti, il video dei ragazzi della scuola secondaria dell’Istituto comprensivo I° Cangemi di Boscoreale è risultato tra i trenta più votati sul web ed ha avuto così accesso alla fase finale in cui una giuria di qualità, composta da esperti, ha selezionato i migliori tre prodotti della categoria. Quest’anno il primo posto se lo sono aggiudicato gli alunni della classe II A (attuale III A) della scuola secondaria di I° grado. Il videoclip è stato interamente realizzato in lingua inglese dai ragazzi (Sergio Avino, Alessia Battiloro, Leonardo Berbecaru, Francesco Bianco, Fiorenzo Carbone, Emilia Carotenuto, Agostino Andrea Casciello, Salvatore Cirillo, Raffaele Del Sorbo, Francesco Esposito, Maria Rita Paduano, Salvatore Ruocco, Viktoria Sobjeraska) con la collaborazione e supervisione della docente referente del progetto, la professoressa Anna Scarico. Con la realizzazione del loro prodotto multimediale dal titolo “Walk around mount Vesuvius” i ragazzi sono riusciti a raccontare ”con originalità l’identità e le caratteristiche artistiche, paesaggistiche e culturali del loro territorio alle falde del Vesuvio”.(ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments