NAPOLI –

Dopo la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza di genere continuano le iniziative a favore delle donne maltrattate: Arma dei Carabinieri, Fondazione Vodafone Italia e Soroptimist International Club Napoli hanno presentato oggi  a Napoli presso il Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri l’avvio di Mobile Angel, un progetto pilota che prevede la consegna di un dispositivo elettronico alle donne, vittime di maltrattamenti. Il device dotato di un sofisticato sistema di allarme e di localizzazione permette, in caso di pericolo, di attivare  una linea dedicata della Centrale Operativa dell’Arma dei Carabinieri, consentendo così alle forze dell’ordine di poter intervenire tempestivamente.
Questa iniziativa mira ad accrescere la percezione di sicurezza da parte delle vittime che in passato hanno subito violenze e maltrattamenti, rendendole consapevoli di poter contare su interventi tempestivi a fronte di situazioni di emergenza, ritrovando la fiducia necessaria a riappropriarsi della propria vita e libertà.
Il progetto, dopo una sperimentazione a Napoli, verrà esteso alle città di Milano e Torino. 45 le donne coinvolte, che dopo aver prestato il proprio consenso, riceveranno il nuovo dispositivo di sicurezza.
Fondazione Vodafone è da tempo impegnata in progetti che hanno come obiettivo la sensibilizzazione e il contrasto alla violenza di genere, per esempio con l’app BrightSky, che fornisce strumenti e supporto a coloro che hanno subito abusi o si trovano in situazioni di pericolo. “Sosteniamo il progetto Mobile Angel – afferma Adriana Versino, Presidente di Fondazione Vodafone Italia – perché crediamo che la tecnologia possa contribuire al contrasto della violenza di genere e possa dare uno strumento in più alle donne che si trovano in situazioni di rischio, aiutandole anche a trovare la fiducia e la sicurezza necessaria per ritrovare la propria libertà e la propria indipendenza”.
Il Soroptimist International, organizzazione mondiale di donne professioniste e manager, impegnate nel sociale, è stato scelto da Vodafone e dall’Arma dei Carabinieri per aver realizzato un progetto in collaborazione con tutte le forze dell’Ordine denominato “Una stanza tutta per sé”  “Il progetto – spiega  Maria Giovanna Gambara, Presidente del Club Napoli del Soroptimist International –  ha come finalità la realizzazione di una speciale stanza dedicata all’audizione della donna che denuncia atti persecutori, maltrattamenti, stalking in un ambiente protetto dedicato all’accoglienza e all’ascolto. A novembre 2022 le Stanze allestite dai Soroptimist Club su tutto il territorio nazionale sono 212 e sono migliaia le donne che si sono affidate alle istituzioni e sporto denuncia. Al fine di accrescere la percezione di sicurezza da parte delle donne- continua la Presidente  Gambara – segue il progetto sperimentale Mobile Angel, uno strumento tecnologico innovativo che infonda, alle vittime che entrano nei percorsi di denuncia, un senso di maggiore protezione e attenzione alla loro condizione. Infatti oltre ad una linea dedicata della Centrale Operativa dell’Arma dei Carabinieri, i device sono dotati di un sistema di geo localizzazione che permette, in ogni momento, l’esatta individuazione della posizione della donna”
“Il progetto – dichiara il Gen. Enrico Scandone , Comandante Provinciale dei Carabinieri di Napoli –  consente di accrescere significativamente la percezione di sicurezza da parte delle vittime, che possono contare su interventi tempestivi a fronte di situazioni di emergenza, infondendo loro serenità e fiducia e agevolando il percorso di riappropriazione degli spazi di libertà e autonomia, spesso lungamente compromessi da vessazioni, intimidazioni e violenze. Una progettualità innovativa, dunque, che guarda al futuro e che si rivolge con premurosa attenzione alla condizione delle vittime, dicendo loro chiaramente: non siete sole!
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments