foto01

NAPOLI – Centinaia di selfie con un solo slogan «vorrei ma non posso». Da ogni ospedale e presidio medico della Campania i camici bianchi hanno aderito allo sciopero nazionale indetto dalle Segreterie della dirigenza medica, sanitaria, veterinaria e FPTA nell’unico modo possibile per una regione «ridotta all’osso».

L’Intersindacale regionale campana ha aderito in maniera simbolica, perché a causa della carenza di organico denunciata da anni, in Campania, nessun camice bianco può permettersi di incrociare le braccia. «Vorrei ma non posso», significa proprio questo. «Vorrei avere il diritto di scioperare come tutti gli altri per difendere il diritto alla salute, ma non posso. Non come succederà altrove».  Per dire «noi ci siamo» i medici campani daranno vita ad un flash-mob fatto di selfie di protesta. 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments