NAPOLI – I pori sono delle piccole ”aperture” presenti sull’epidermide (ce ne sono circa 150 per centimetro quadrato), che hanno come scopo principale quello di collegare la superficie della pelle e le ghiandole sebacee che, come suggerisce il loro nome, producono il sebo necessario per lo strato idrolipidico.
Il loro livello di dilatazione dipende principalmente dalla tipologia di pelle che si ha (grassa, secca, mista o normale) e dall’uso di detergenti più o meno aggressivi, ma anche da sbalzi ormonali e dall’età. Nel momento in cui questo diventa eccessivo, possono manifestarsi diversi inestetismi che spesso diventano un bel cruccio.
Come evitare l’eccessiva dilatazione dei pori della pelle e quali sono i rimedi più efficaci?

Le dritte per una pelle del viso perfetta

Alcuni accorgimenti si rivelano particolarmente utili contro i pori dilatati, evitando così la comparsa di punti neri, una delle loro prime conseguenze dirette, dovuta all’accumulo di impurità all’interno dei pori. Come fare? Innanzitutto è fondamentale prestare attenzione ai cosmetici che si utilizzano ogni giorno, prediligendo quelli ricchi di sostanze antiossidanti e antisettiche (in particolar modo quelli con estratti di calendula, propoli e tè). È fondamentale, poi, evitare prodotti contenenti paraffine, la cui azione può portare all’occlusione dei pori.
Anche l’abitudine di fare regolarmente dei trattamenti come scrub e gommage per eliminare le cellule morte si dimostra utile in questo senso, in quanto migliora notevolmente la trama cutanea e aiuta a eliminare le impurità; attenzione a non esagerare, però: non si dovrebbe mai superare le 2 volte a settimana per lo scrub, per evitare di irritare la pelle, e scegliere sempre con cura il prodotto più adatto alla propria tipologia di pelle, per non peggiorare la situazione.

Mai dimenticare il tonico!

Un altro fattore importante da non trascurare mai è l’applicazione del tonico: questo prodotto è indispensabile per chi vuole contrastare il fastidioso problema dei pori dilatati, in quanto ha un’azione astringente e rimuove gli ultimi residui di sporco dopo la detersione. Anche nella scelta del tonico bisogna fare attenzione, evitando i prodotti che contengono troppo alcol, che finirebbero per distruggere la barriera idrolipidica della pelle e disidratare quest’ultima, causando dunque l’effetto contrario, con iperproduzione di sebo. Un buon tonico dovrebbe contenere ingredienti come l’acido salicilico (utile anche per contrastare l’acne e la psoriasi, grazie all’azione lenitiva e antisettica) e l’acido glicolico, che contribuiscono all’effetto pelle liscia e omogenea.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments