NAPOLI – L’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli anche quest’anno partecipa alla H-Open Week promossa dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA) e dal 19 al 23 aprile mette a disposizione visite ed esami diagnostici gratuiti nell’area della ginecologia e della senologia.

Un appuntamento per sottolineare l’importanza della prevenzione primaria, della diagnosi precoce e dell’aderenza terapeutica facilitando l’accesso gratuito ad alcuni servizi fondamentali per la salute femminile, un’iniziativa quanto mai importante alla luce dell’attuale contesto emergenziale ed un impegno, quello dell’Azienda federiciana, che per il quarto biennio consecutivo è stato premiato con tre bollini rosa, pari al massimo riconoscimento che l’Osservatorio conferisce agli ospedali che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla salute femminile.

Per poter accedere alle visite è necessaria la prenotazione che potrà essere effettuata fino ad esaurimento delle disponibilità.

“Come da tradizione, anche quest’anno il Policlinico Federico II partecipa alla settimana dedicata alla salute della donna promossa da ONDA. Un’iniziativa che nel contesto pandemico che stiamo tuttora attraversando assume un significato ancor più importante di attenzione alla salute femminile, invitando le donne a prendersi cura di sé. Anche nel sostenere lo sforzo regionale di lotta al contenimento del contagio, il nostro Policlinico si è distinto sin da subito per l’impegno profuso in favore delle donne in gravidanza e positive al Covid. Un compito sostenuto grazie alla grande professionalità e all’impegno di tutto il nostro personale. Quello verso la prevenzione è un invito che abbiamo declinato anche al maschile in occasione delle festa del papà, offrendo visite ed esami diagnostici prevalentemente rivolti agli uomini con un’apertura straordinaria degli ambulatori per un intero mese. Un impegno verso la salute della popolazione campana che intendiamo portare avanti con ulteriori iniziative a sostegno dell’accessibilità delle cure, grazie ad equipe multispecialistiche e a percorsi dedicati“, sottolinea il Direttore generale dell’AOU Federico II
Anna Iervolino.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments