NAPOLI – Mettere a confronto le buone pratiche e le esperienze maturate dalle Asl campane e non solo e dai Dipartimenti di prevenzione nel contrasto al covid con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di lavoro in ambito sanitario. E’ questo l’intento del convegno ‘OspedaleSicuroDuemila21’, promosso dalla Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II e dall’Osservatorio Salute Lavoro del Dipartimento di Sanità pubblica. L’appuntamento, giunto alla XVIII edizione, quest’anno ha focalizzato la sua attenzione su come la pandemia da covid abbia mutato le strategie di prevenzione e di gestione dei rischi quotidiani dal punto di vista operativo all’interno delle strutture sanitarie e dunque quanto l’emergenza covid abbia influito sulla cultura della prevenzione. ‘’C’è da costruire una nuova sicurezza dopo il covid – ha affermato Maria Triassi, presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II – la pandemia ci ha insegnato nuovi rischi nelle emergenze e in modo particolare rispetto alla sicurezza degli operatori non soltanto sul fronte della sicurezza fisica ma anche rispetto all’uso appropriato dei dispositivi sia individuali che di tipo organizzativo. E’ molto importante – ha aggiunto – l’organizzazione del lavoro che molte volte è fonte di stress e infatti il rischio stress da lavoro derivato è diventato molto cogente oltre ad altri rischi quali quelli economici e biologici’’.

Nell’ambito del dibattito è stato posto l’accento su come le azioni messe in campo a tutela della sicurezza dei lavoratori e l’approccio alla gestione dell’emergenza in ambito sanitario possano costituire ‘’un modello trasversale’’ applicabile e replicabile anche in altri ambiti lavorativi e produttivi. ‘’La pandemia – ha sottolineato Giovanni Lama, referente dell’Osservatorio Salute Lavoro – ci ha insegnato quanto sia necessaria una maggiore attenzione nella gestione dei rischi quotidiani sui luoghi di lavoro in ambito sanitario e non solo: ci ha fatto capire quanto sia importante adottare tutti gli strumenti e le metodologie in nostro possesso per affrontare problematiche impreviste e inattese’’.

Dal 2001, anno di istituzione dell’Osservatorio Salute Lavoro presso il Dipartimento di Sanità pubblica del Policlinico Federico II, sono state numerose le attività di formazione messe in campo con lo scopo di promuovere e migliorare la sicurezza sui luoghi di lavoro in ambito sanitario attraverso l’adeguamento delle misure alle sempre più moderne ed innovative esigenze. Il convegno vede la partecipazione di oltre 40 relatori giunti da diverse parti d’Italia e di rappresentanti di altre realtà universitarie, di realtà scientifiche e dell’Inail.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments