NAPOLI – “Il governo Draghi inserisca tra le priorità della propria agenda politica non solo la ripresa economica e la tutela delle imprese, ma anche la tutela del capitale umano senza il quale l’Italia difficilmente potrà avere un futuro. Un’intera generazione sta subendo da oltre due anni colpi durissimi sia dal punto di vista della formazione che della costruzione dei rapporti sociali. Di fronte al disagio crescente, che si manifesta anche attraverso una crescita esponenziale dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo, serve avviare un piano capillare di monitoraggio di questi fenomeni con il supporto di professionisti esperti che affianchino scuole e famiglie nella costruzione di una rete sociale di supporto ai ragazzi. In secondo luogo occorre procedere a un ‘tagliando’ della legge 71/2017 verificandone la reale applicazione sui territori e aggiornandola di fronte alle nuove criticità emergenti. Se, come verificato nel rapporto 2021 di Terre des hommes, un adolescente su due in Italia dichiara di essere stato vittima di bullismo e sette adolescenti su dieci dichiarano di non sentirsi sicuri nell’utilizzare internet e i social media, evidentemente c’è tanto da rivedere. Le risorse del Pnrr, in questo senso, possono risultare determinanti a patto che vengano utilizzate in modo coerente e coordinato sull’intero territorio nazionale per sostenere l’impegno delle scuole, delle associazioni del Terzo settore e dei professionisti che possono offrire un contributo importante per vincere questa difficile battaglia”. Questo l’appello lanciato da Michela Rostan, Vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, in occasione della Giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments