NAPOLI – “Con l’arrivo dell’emergenza sanitaria diversi cantieri pubblici sono stati bloccati. Cantieri che, durante la ‘normalità’, mandano il traffico in tilt e che risultano un vero pugno nell’occhio per l’arredo urbano delle città. Parliamo, ad esempio, dell’orrendo cantiere di piazza del Plebiscito, un vero obbrobrio che deturpa un panorama meraviglioso e una delle eccellenze della regione, privando sia i cittadini che i turisti soprattutto di apprezzare al meglio una meraviglia storica. E lo stesso vale per i lavori per asfaltare Corso Vittorio Emanuele, che hanno causato enormi problemi alla circolazione. Ma oggi è tutto fermo. Noi chiediamo la ripartenza dei lavori pubblici a Napoli e in Campania partendo rapidamente da quelli ad alto impatto sociale e ambientale così da poterli portare avanti o anche terminare limitando al massimo i problemi alla comunità”. E’ quanto dichiarato da Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

“In un momento così delicato per la città, si fermano anche i lavori di rifacimento del manto stradale al corso Vittorio Emanuele. Per assurdo, forse questo momento era il meno indicato per bloccare con un decreto la ditta che svolgeva i suddetti lavori. Bisognava approfittare della desertificazione del viadotto per accelerare questi lavori che la gente aspettava da troppo tempo e che sarebbero terminati speditamente proprio per la situazione Covid 19 che per forza di cose ha ridotto del quasi cento per cento la presenza sia di persone che di auto”. Lo ha sottolineato Salvatore Iodice, consigliere del Sole che Ride della II Municipalità.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments