caniglia

NAPOLI – Il coronavirus non può fermare le istituzioni.

Con questa convinzione, un gruppo di consiglieri comunali di Napoli si è organizzato, da giorni, in proprio per permettere il prosieguo delle attività della Commissione Welfare e tutela della salute.

“Ci siamo riuniti in videoconferenza, senza mettere a repentaglio l’incolumità di nessuno, a cominciare dai dipendenti comunali che avrebbero dovuto verbalizzare le sedute. Lo facciamo a distanza, concordando giorno ed orario, con mezzi propri e software open source in modo da non gravare in alcun modo sulle casse comunali”.

Lo spiegano la Presidente della commissione Maria Caniglia ed i consiglieri Marta Matano (Movimento 5 Stelle), Alessia Quaglietta (Partito Democratico), Andrea Santoro (Fratelli d’Italia) e Laura Bismuto (Gruppo Misto).
“Discutiamo da giorni della situazione di emergenza del coronavirus e nelle riunioni in videoconferenza è maturata la necessità di di proporre agli assessori competenti una maggiore elasticità degli orari delle strutture ricettive per i senza fissa dimora riducendo, in tal modo, la loro permanenza in strada e inutili assembramenti fuori dalle strutture in attesa della loro apertura. È, altresì maturata, la necessità di maggiori controlli nelle aree periferiche della città per evitare gli assembramenti, un supporto concreto alle mense cittadine anche attraverso l’aiuto dei militari, la creazione di una task force che si occupi di monitorare lo stato di salute dei senza fissa dimora e dei migranti. Per questi ultimi, si è valutato di suggerire un coinvolgimento dei rappresentanti delle varie comunità per favorire una corretta informazione di prevenzione e di rispetto delle misure straordinarie previste per il contenimento del coronavirus. Riteniamo indispensabile, dopo l’attivazione del numero verde, la creazione di una rete di coordinamento con le associazioni per dare effettivamente seguito alle emergenze.

“Nei prossimi giorni continueremo a confrontarci, anche sulla scorta delle innumerevoli segnalazioni che arrivano ad ogni singolo consigliere dai cittadini, cercando di dare il nostro contributo propositivo affinchè si possano alleviare quanto più possibile i disagi alle fasce più deboli della popolazione in queste giornate difficili”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments