SOMMA VESUVIANA – “Per tutte quelle attività che hanno dovuto chiudere durante questa pandemia sarà eliminata la parte variabile in relazione al periodo di chiusura. E’ giusto, corretto andare incontro a quei commercianti, a quelle imprese chiuse e che sono in difficoltà per la situazione economica generata dall’emergenza sanitaria che oramai dura da ben un anno. Purtroppo dal punto di vista fiscale possiamo intervenire solo su questo anche se ulteriori azioni saranno al vaglio della Giunta comunale nei prossimi giorni”. Lo ha annunciato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana comune del napoletano.

Somma Vesuviana adotta misure ancora più stringenti.

“Ho firmato l’ordinanza con la quale, purtroppo, chiudiamo il cimitero – ha continuato Di Sarno – a partire dalla data del 10 di Marzo e fino a quando la Campania non rientrerà in zona Arancione. Somma Vesuviana è tra i pochi comuni ad avere chiuso le piazze a Carnevale e a San Valentino, unico comune forse in Italia ad essersi dotato di una TASK FORCE formata dal sindaco, dai rappresentanti dei pediatri, dei medici di base, dei genitori, da tutti i Dirigenti Scolastici di tutte le scuole sia pubbliche che private presenti sull’intero territorio sommese e di ogni ordine e grado, dall’Assessorato all’Edilizia Scolastica, dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione, dalla Commissione Pubblica Istruzione, grazie alla quale è stato possibile adottare le decisioni migliori per Somma Vesuviana. Somma Vesuviana unico comune anche ad essersi dotato di un servizio di Ambulanza locale, tra i pochi comuni ad avere implementato il servizio di supporto psicologico alla popolazione ed in particolare ai ragazzi. Abbiamo garantito il controllo del territorio grazie al Corpo dei Vigili Urbani, in questo momento con personale ridotto in quanto ben 7 Vigili Urbani sono in quarantena, alle Forze dell’Ordine e ai vari servizi di volontariato esistenti sul territorio”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments