BRUSCIANO – In occasione del Giornata Mondiale della Terra, celebrata il 22 aprile, Europa Verde- Campania ha simbolicamente piantumato degli alberi al Parco della Vita di Brusciano. Un’area che era abbandonata e incolta è stata trasformata in uno spazio verde in con migliaia di alberi e piante, in una zona considerata nel cuore della Terra dei fuochi, grazie al lavoro dei cittadini e di diversi volontari. Inoltre è un luogo adibito ad attività per bambini speciali e alle loro famiglie.

“Vogliamo che il nostro impegno in difesa della natura e dell’ambiente, anche in occasione della Giornata della Terra, come sempre, del resto, sia concreto e non si perda solo in chiacchiere, convegni e simposi. Ed è per questo che abbiamo piantumato degli alberi al Parco della Vita, un’area che rappresenta la rinascita della terra, la rivincita del bene.

Questa operazione simbolica fa da ciliegina sula torta ad una serie di interventi pro-natura e pro-verde che stiamo portando avanti su tutto il territorio. Ad esempio Salvatore Iodice, consigliere municipale di Europa Verde, da un po’ di tempo sta riportando il verde ai Quartieri spagnoli, soprattutto a Piazza Montecalvario e alle Scale di San Pasquale.” – ha spiegato Fiorella Zabatta, dell’esecutivo nazionale di Europa Verde.

“La tutela dell’ambiente deve anche essere istituzionalista ed è per questo che abbiamo presentato in Regione una proposta che modifichi gli articoli 1,7 e 57 della legge regionale 28 maggio 2999, n.6, affinché tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e diritti degli animali siano riconosciuti quali principi fondamentali della Regione Campania.

La proposta di inserire la tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e degli animali tra i principi fondamentali riconosciuti dalla Regione Campania nel suo Statuto ha un altissimo valore simbolico.

Prevedere tra i principi fondamentali nello Statuto regionale quello della tutela ambientale e degli animali, ancorché già implicitamente richiamato dallo stesso Statuto laddove fissa i principi europei come principi parametro, rappresenterebbe un parametro significativo per tutta l’azione politica regionale.

La presente proposta di legge, dunque, ispirandosi a questa volontà, prevede altresì un meccanismo di razionalizzazione delle funzioni della Consulta statutaria anche al fine di valutare il rispetto dei principi ambientali.

Dall’attuazione della presente legge consegue un risparmio per il Bilancio regionale derivate dalla riduzione del numero dei componenti, da 5 a 3, della Consulta di Garanzia Statutaria.

I risparmi di spesa derivanti dalla riduzione del numero dei componenti della Consulta sono destinati ad alimentare apposito capitolo di spesa del Bilancio del Consiglio regionale, per il triennio 2021-2023, per finanziare iniziative delle associazioni di protezione ambientale riconosciute dalla legge ed avente sede in Campania per promuovere azioni di sensibilizzazione sui diritti ambientali e degli animali.” –ha commentato il Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments