NAPOLI – Un destino comune unisce Napoli e Pompei a quella Francia del Sud dove è stata particolarmente forte la presenza romana

Giovedì 27  è stato firmato un accordo di collaborazione fra il Parco Archeologico di Pompei e il Museo Dipartimentale di Arles Antica, MDAA, alla presenza del Console Generale di Francia a Napoli Madame Lise Moutoumalaya,  del direttore del Parco Archeologico di Pompei Gabriel Zuchtriegel e del sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio, di Patrick De Carolis, sindaco di Arles e di Martine Vassal, presidente del Consiglio dipartimentale. Con un duplice obiettivo : far conoscere il patrimonio archeologico di Arles e l’esperienza unica del MDAA, accrescendone la notorietà a livello  internazionale e condividere le migliori pratiche di restauro e conservazione con il Parco Archelogico di Pompei, famoso a livello mondiale. L’attenzione di entrambi i territori per la tutela del patrimonio storico è il trait-d’union che ha reso possibili importanti accordi di collaborazione. Il 28 ottobre è stato firmato un secondo accordo di collaborazione fra il dipartimento Bouches du Rhône e la Città Metropolitana di Napoli, a livello di scambi economici, di expertises e di savoir-faire fra i due territori, presenti una delegazione guidata da Gaetano Manfredi, sindaco della Città Metropolitana di Napoli e la delegazione guidata da Martine Vassal, presidente del Consiglio del Dipartimento Bouches di Rhône. Gli accordi sono stati anche l’occasione per promuovere il territorio Bouches du Rhone come territorio d’eccellenza a livello culturale, del patrimonio e della gastronomia, e come destinazione turistica sostenibile.

Per maggiori informazioni: www.myprovence.fr e www.it.france.fr

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments