La commissione Scuola sulle carenze di personale

0
22
concorso-scuola

NAPOLI – Nella riunione presieduta da Luigi Felaco il punto sulle misure necessarie a colmare i vuoti di organico nelle strutture comunali.

Sono intervenuti l’assessora all’Istruzione Annamaria Palmieri e l’assessore al Bilancio e al Personale Enrico Panini

Quali sono le misure in preparazione per rispondere alle necessità di personale nelle scuole comunali. Prima riunione dedicata al tema quella di oggi della commissione Scuola, che ha incontrato gli assessori competenti e annunciato un prossimo incontro, che sarà convocato insieme alla commissione Lavoro, con i dirigenti del Personale.

La questione, ha spiegato l’assessora Palmieri rispondendo alle domande poste dal presidente Felaco, è in continua evoluzione. Già a partire dalla chiusura delle iscrizioni, tra aprile e maggio, si è evidenziò un’importante necessità di personale di tutti i profili, in particolare quello delle maestre di sostegno.

Dopo le prime due delibere varate per rispondere al fabbisogno, e successivamente bloccate a seguito delle decisioni della Corte dei Conti in materia di spesa, si decise di correggere in aumento l’iniziale richiesta di 120 assunzioni a tempo determinato, che diventarono 160 scegliendo il ricorso al part time. Difficilissimo, in particolare, è stato il reclutamento del personale di sostegno, in quanto le graduatorie di riferimento dell’Ufficio scolastico regionale non sono state sufficienti a colmare le necessità di tutte le scuole.

A queste iniziali carenze si è aggiunta, a partire dal 1 ottobre, la perdita settimanale di circa quattro unità a causa di eventi diversi: maternità, opzione per l’incarico presso scuole statali o, più recentemente, scelta di altro profilo per quanti hanno nel frattempo partecipato alle selezioni per il reclutamento di personale per l’attuazione della misura del Reddito di Inclusione.

L’opzione per l’incarico statale, inoltre, consente, quando si riferisca a personale a tempo indeterminato la conservazione del posto per la durata di un anno, rendendo, quindi, impossibile un nuovo subentro.
In questo quadro si è deciso di effettuare ulteriori assunzioni, sempre a tempo determinato e part time, di 26 nuove unità di personale.

La delibera di riferimento è ora all’attenzione del collegio dei revisori dei conti e della commissione ministeriale per la stabilità finanziaria degli enti locali. Una volta licenziato il bilancio consolidato, entro la fine dell’anno, si procederà alle convocazioni. Resta il tema, ha concluso Palmieri, della differente situazione tra le Municipalità, con quelle maggiormente colpite dalle carenze di organico che non riescono ad ottenere personale “in prestito” dalle altre. Un aspetto questo, secondo il presidente Felaco, che va assolutamente corretto per evitare disparità di trattamento.

Sulla possibilità di scorrimento delle graduatorie del 2015, sia quelle della procedura speciale che del concorso esterno per future assunzioni, sulla possibilità di attingere ad esse anche per le assunzioni a tempo determinato da effettuare a breve e sulle unità di personale indicato dalla Napoli Servizi per il ruolo di collaboratore scolastico, l’assessore Panini ha fornito una serie di chiarimenti.

Per l’anno in corso, non saranno effettuate assunzioni di personale a tempo indeterminato a causa della pronuncia della Corte dei Conti, mentre per il 2019 è già stata formalizzata al Governo la richiesta di proroga per le graduatorie del Formez.

Quanto alla possibilità di attingere alla graduatoria della procedura riservata, quella delle cd. maestre storiche, si tratta di un passaggio allo stato impossibile per il tempo determinato, in considerazione del limite dei 36 mesi di servizio già prestato che imporrebbe di assumere a tempo indeterminato. Su questo aspetto, comunque, si procederà alla richiesta di un chiarimento normativo presso il Ministero, mentre per il personale che ricopre il ruolo di collaboratore, è già stata decisa la convocazione della Napoli Servizi per chiarimenti in merito alle effettive disponibilità e al mansionario.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami