NAPOLI – “Nell’augurare buon lavoro al neo assessore della giunta Manfredi esprimiamo l’immediata necessità di un tavolo con la filiera economica turistica, per individuare fin da subito un concreto piano programmatico per la promozione della città di Napoli e soprattutto per definire ruoli e competenze dell’ente locale – cosi dichiara il presidente dell’Abbac Agostino Ingenito – Sono tante le problematiche da risolvere come pure le opportunità da cogliere per una città e del suo hinterland che dimostra la sua eccezionale capacità attrattiva e resilienza anche a livello internazionale. Auspichiamo chiarezza su utilizzo delle risorse per l’imposta di soggiorno e la tassazione comunale per le nostre strutture ricettive, azioni concrete per risolvere le problematiche urbanistiche che zavorrano tanti immobili tra incuria, degrado e mancata ristrutturazione e destinazione turistica ricettiva, soprattutto per il centro storico. Occorre anche in questo senso fare chiarezza su competenze Sovrintendenza ed altri Enti e spendere quelle risorse ancora ferme del Piano Napoli come pure individuare ulteriori finanziamenti dedicati. Al netto dei lavori per la sistemazione delle chiese, il centro storico Unesco manca di servizi e infrastrutture e di un controllo costante come invece succede per altre città italiane. Serve un piano strategico per l’accoglienza con infopoint e coordinamento con Regione e Agenzia regionale del Turismo, come pure adeguare il trasporto locale, aumentando corse e diffuse modalità di mobilità sul territorio. Dobbiamo affrontare il problema dell’abusivismo ricettivo, dei servizi da erogare. Vogliamo chiarezza sul fabbisogno abitativo e un piano condiviso con noi associazioni datoriali anche per incentivare nuove forme di aggregazione per ospitalità diffusa ed erogazione di servizi di accoglienza. La città fonda ormai la sua economia anche sul turismo, fonte primaria per migliaia di famiglie che, al netto di speculatori ed abusivi, vivono di reddito ricettivo sia nella forma integrativa del reddito come bed andbreakfast e locazioni che per l’attività imprenditoriale di affittacamere e strutture gestite in forma professionale. Un’analisi chiara anche sul fabbisogno abitativo potrebbe inoltre eliminare ipocrisie per la destinazione turistica degli immobili, su cui gravano tassazioni rilevanti. Occorre un piano anche per i contratti transitori per lavoratori e studenti, con una revisione di quell’accordo territoriale ed una vera collaborazione tra le istituzioni. All’assessore Armato chiediamo di applicare la sua naturale propensione al dialogo, che ha dimostrato per i suoi diversi ruoli come nel caso di assessore regionale al turismo, per instaurare fin da subito un rapporto continuo e costante con la nostra filiera che ha bisogno di essere supportata e amata. Il turismo, è sempre più un segmento rilevante e le problematiche urbanistiche e di infrastrutture, come per la mobilità e la viabilità pesano e non poco sul nostro settore. Creare le condizioni di una migliore vivibilità per quel cittadino temporaneo è il lasciapassare anche per il benessere cittadino e dell’area metropolitana. Al Sindaco Gaetano Manfredi chiediamo di far rientrare il Comune tra tutti gli organismi decisori come per la Regione, l’Aeroporto, e le infrastrutture di mobilità e servizi. Il protagonismo comunale potrà consentire una migliore fruizione delle risorse, una programmazione per cogliere tutte le potenzialità”- cosi il presidente Abbac Agostino Ingenito

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments