NAPOLI – Napoli si prepara alle imminenti elezioni amministrative e il dibattito politico è in pieno fermento.

Tuttavia, non manca chi osserva che al centro dell’attenzione non vi siano i problemi e le criticità in cui versa la città, bensì ragionamenti e calcoli sulle future alleanze. A sollevare la questione, Massimo Coppin e Vanni Migliaccio, rispettivamente coordinatore e vice coordinatore del gruppo +Europa Napoli.

Coppin e Migliaccio invitano le forze politiche a dare centralità ai problemi della città e, solo dopo, ad interrogarsi su chi meglio può affrontarli e risolverli.

“E’ stravagante – affermano Coppin e Migliaccio – che ai tavoli si parli solo di alleanze, di formule e strane alchimie e non delle tante emergenze che la città di Napoli sta vivendo.

Il sindaco de Magistris lascia un’eredità pesante, fatta di debiti, problemi irrisolti e speranze deluse. Le forze riformiste e ambientaliste dovranno farsi carico di proporre un orizzonte, un futuro per Napoli.

Apriamo un confronto, vero e costante, con i cittadini: solo così potremmo evitare che ai disastri di de Magistris siano chiamati a dare soluzioni sbagliate le forze populiste e sovraniste”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments