In-Piazza-Sanit-il-murales-ispirato-da-Papa-Benedetto-XVI-cosa-vedere-al-Rione-Sanit-950x438

NAPOLI – In una riunione congiunta delle commissioni Giovani e Politiche Urbane, rispettivamente presiedute da Claudio Cecere ed Eleonora de Majo, sono stati ascoltati alcuni componenti del tavolo tecnico interassessorile sulla Street Art in merito alle attività svolte e quelle in corso.

Una riunione richiesta dalla presidente della commissione Politiche Urbane, Eleonora de Majo, per conoscere le attività e le modalità operative del tavolo tecnico interassessorile sulla Street Art, alla luce del sempre più importante richiamo che la città sta offrendo ad artisti di fama internazionale e dell’importante ruolo strategico che questa forma d’arte può avere nella ridefinizione dei circuiti turistici tradizionali in città.

Come ha spiegato Federica Cola dello staff del sindaco, il tavolo nasce per disciplinare una forma d’arte che rappresenta un’importante occasione di riqualificazione urbana e rigenerazione sociale, grazie al coinvolgimento diretto dei cittadini ed una visione di rete che garantisca comunque la massima libertà espressiva agli artisti.

Una prima fase del lavoro ha riguardato la codificazione della procedura amministrativa per il rilascio delle autorizzazioni, e ora si punta alla realizzazione di una mappatura di tutte le opere di street art presenti sul territorio e alla conseguente realizzazione di percorsi di valorizzazione, anche attraverso interlocuzioni con Gesac e Porto per orientare i flussi turistici.

Daniela Buonanno dell’assessorato all’Urbanistica ha evidenziato l’importanza di ascoltare le istanze dei territori, il tavolo ha infatti l’obiettivo di presentarsi come un interlocutore unico per coordinare le proposte.

Mario Battiselli, dello staff del Sindaco, ha fornito alcuni dati sul lavoro svolto: sono 60 i murales censiti finora tra autorizzati e spontanei, e si punta nel breve periodo a 32 interventi complessivi autorizzati dall’amministrazione comunale (di questi, 10 sono stati autorizzati per il 2017, 12 per l’anno in corso, mentre per gli altri sono in corso le procedure di autorizzazione); le aree di maggior incidenza delle opere sono le Municipalità II e III e tutto l’ambito periferico.

A breve verrà indetta una conferenza stampa, ha annunciato Giovanna Corleto dell’assessorato alla Scuola, per ufficializzare le attività del tavolo, puntando soprattutto sul suo ruolo di coordinamento con le Municipalità. Renato Mastrogiovanni dell’assessorato ai Giovani ha illustrato l’importanza dei social media per diffondere informazioni sulle opere presenti sul territorio, in particolare con il progetto “Discovering Street Art Naples” (https://www.facebook.com/pg/DiscoveringStreetArtNaples/about) un canale interamente dedicato alle diverse forme della creatività urbana presenti in città.

Per la presidente de Majo il lavoro del tavolo sulla Street Art è importante perché consente, senza voler istituzionalizzare una forma d’arte che per definizione è spontanea, di inserirsi in un nuovo percorso di fruizione delle opere, restituendo il senso di un preciso approccio politico e culturale al tema; sarebbe quindi interessante proporre una “call” internazionale per invitare gli artisti a realizzare in città lavori su temi precisi. A fine ottobre, ha concluso il presidente Cecere, un nuovo incontro con i componenti del tavolo sulla Street Art per gli aggiornamenti.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments