graziano-stefano-nuova-21

NAPOLI – Cade l’ipotesi di concorso esterno in associazione mafiosa formulata nei confronti del consigliere regionale della Campania e ex presidente del Pd campano Stefano Graziano.

La Dda di Napoli ha stralciato la posizione di Graziano dal fascicolo principale ed ha inviato gli atti alla procura di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) per la sola ipotesi di voto di scambio (non aggravato dalla finalità camorristica).”La decisione dei pm della Dda di Napoli su Stefano Graziano esclude un’accusa particolarmente grave quale la collusione con la camorra”. Così il segretario regionale del Pd Campania, Assunta Tartaglione.”Resta ancora in piedi una seria ipotesi di reato – aggiunge Tartaglione – e ci auguriamo che, anche in questo caso, Graziano dimostri la propria estraneità, rimanendo a disposizione della magistratura come ha correttamente fatto dal primo momento”. “Si lascino quindi lavorare serenamente gli inquirenti – conclude Tartaglione – evitando condanne mediatiche e accuse preventive, che possano ledere l’importante diritto alla difesa e la dignità della persona”.(ANSA)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments