NAPOLI – In commissione Lavoro, presieduta da Vincenzo Solombrino, è stato presentato il progetto per la riqualificazione dell’area mercatale di Via Caramanico. Presenti anche Giovanni Piombino per l’Assessorato al Lavoro, Claudia Motta per la Direzione Centrale Commercio e Artigianato, per la Federazione Italiana Venditori Ambulanti – Confcommercio presente Maria Rosaria Formisano con l’architetta Assunta Polcaro, autrice del progetto dalla stessa confederazione commissionato.

Il mercato più antico della città, aperto quattro giorni a settimana dalle 7 alle 15, specializzato prevalentemente nella vendita di calzature ma sempre più differenziato, che si estende su un area di circa 6500 metri quadrati e che tuttavia, per la sua attuale conformazione, vede circa il 30% dei suoi posteggi non assegnati perché considerate dagli operatori in posizioni poco attrattive per il commercio. Per ovviare a questo problema gli operatori del mercato, attraverso la FIVA – Confcommercio, hanno richiesto all’architetto Polcaro di sviluppare un progetto di razionalizzazione degli spazi. Il progetto vedrebbe l’inserimento nella variante al Piano Urbanistico Attuativo già in vigore nell’area ed in realizzazione da parte della società “Agorà 6” che prevede il completamento del Centro Direzionale, adiacente al mercato. Con questa riqualificazione si riuscirebbe a risolvere la cattiva distribuzione dei posteggi all’interno del mercato, l’apertura di nuovi varchi di accesso rispetto ai tre attualmente esistenti e migliori viabilità e sicurezza interne.Tra i commissari intervenuti, Ciro Langella (Prima Napoli) ha segnalato la forte presenza nell’area di parcheggiatori abusivi e l’assenza di un marciapiedi che consenta di raggiungere in sicurezza il mercato. Fulvio Frezza (De Magisteri Sindaco) ha sollecitato l’importanza di potenziare i collegamenti su gomma una volta che il progetto di riqualificazione sarà ultimato, fornendo l’area di un adeguato parcheggio, tenuto conto anche della vicinanza del Tribunale e della Procura della Repubblica.
Con un lavoro sinergico con gli uffici tecnici e con la commissione all’urbanistica – ha concluso Solombrino – si potrebbe lavorare per fornire risposte concrete alle esigenze degli operatori, rendendo il mercato un punto di riferimento in città, offrendo al contempo nuove opportunità di lavoro.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments