NAPOLI – Il Tribunale di Napoli, I° sezione Civile, con decreto depositato oggi, nel procedimento in cui erano ricorrenti, Daniela Conte e Marta Loi e che ha visto l’intervento dell’Amministrazione comunale in giudizio, ha ordinato all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di Napoli di procedere alla ri-trascrizione dell’atto di nascita del minore Ruben Loi, concepito in Spagna.Il nucleo delle motivazioni del Tribunale risiede nell’aver ritenuto che la trascrizione effettuata dal Sindaco di Napoli Luigi de Magistris non viola l’ordine pubblico italiano anche alla luce delle Unioni civili tra persone dello stesso sesso di cui alla Legge Cirinnà.

E’ stato altresì riconosciuto che va accordata primaria tutela alla personalità del figlio “specialmente se bisognoso – si legge nella decisione della Corte – della particolare cura che gli deriva dall’infanzia in cui versa e che ben può valere a fondare il suo diritto a non essere sradicato dal nucleo sociale legalmente creato dalla madre che l’ha partorito, nel quale già solo in forza del doppio impegno, meglio può essere svolta la funzione educativa senza che abbiano a prevalere conseguenze sfavorevoli riconducibili allo stato soggettivo di non partoriente della compagna legale della madre”.Infine il Tribunale ha rilevato che la cancellazione della trascrizione sarebbe atto sproporzionato “in presenza di un modello familiare che, secondo il sentire e l’agire del legislatore sovranazionale, può ricevere legittimazione a sufficienza dal raccordo tra il dato materiale, il parto della Conte e il dato spirituale” si legge ancora nel dispositivo.“E’ stata vinta una grande battaglia non solo di civiltà giuridica ma anche e soprattutto di natura morale e sociale che dal primo momento abbiamo fatto nostra ed è grande la nostra soddisfazione” E’ il primo commento del Sindaco de Magistris.“Con il Sindaco de Magistris – dichiara l’Assessore al Welfare Roberta Gaeta – l’Amministrazione Comunale si è battuta per il diritto fondamentale di ogni persona: quello della famiglia.E’ stato emozionante ascoltare la telefonata di Marta e Daniela, che si sentono sollevate, tutelate, orgogliose di essere napoletane!La Città di Napoli si è resa leader di un’appassionata battaglia in nome del riconoscimento di Ruben, dando legittimità e dignità a tutte le famiglie che esistono nel nostro Paese: il vento del cambiamento soffia da Napoli.Dopo questo importante risultato, ci siamo già messi al lavoro per incrementare azioni concrete accanto al Gruppo Campano di Famiglie Arcobaleno che da 11 anni si batte per il riconoscimento di questi diritti fondamentali. Insieme, abbiamo un obiettivo chiaro: per ogni bambino, una famiglia accogliente; per ogni coppia che si ama, la possibilità di essere genitori.”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments