NAPOLI – La commissione Ambiente, presieduta da Marco Gaudini, ha incontrato il delegato della Lipu di Napoli Fabio Procaccini per discutere di proposte operative per tutelare la fauna aviaria in città. Condivisa la richiesta della Città Metropolitana alla Regione di una sospensione dell’attività venatoria e proposta un’ordinanza per vietare, a seguito degli incendi boschivi, la caccia su tutto il territorio cittadino con interdizione del prelievo venatorio.

Un intervento forte all’indomani degli incendi boschivi che hanno devastato nei mesi scorsi il territorio cittadino e quello di altri comuni, con gravi compromissioni per la flora e la fauna ancora non definiti chiaramente. Lo ha chiesto oggi la commissione Ambiente nel corso della riunione, indetta su sollecitazione della consigliera Menna (Movimento 5 Stelle), che ha visto la partecipazione di Fabio Procaccini, delegato per Napoli della Lega Italiana Protezione Uccelli (Lipu). Diverse le strade, ha spiegato Procaccini, che possono essere intraprese dalle Amministrazioni per tutelare i piccoli volatili presenti in città, anche se in numero che si è molto ridotto nel corso degli anni. La cd. delibera “salva rondini”, adottata in Campania solo da due comuni, prevede una serie di misure per favorire la nidificazione ed evitare la distruzione dei nidi in occasione di interventi edilizi sui palazzi, così da assicurare la presenza dei piccoli uccelli, veri e propri insetticidi naturali. Una proposta di delibera consiliare, ha assicurato Gaudini, sarà depositata al più presto per essere sottoposta all’esame dell’Aula.

La commissione ha poi condiviso l’istanza rivolta alla Regione dalla Città Metropolitana per chiedere la sospensione della stagione venatoria in considerazione dei gravi danni causati dagli incendi boschivi alla fauna e all’intero patrimonio naturalistico. Proposta, infine, un’ordinanza che vieti la caccia e il prelievo venatorio su tutto il territorio cittadino. Un atto, ha concluso il delegato Lipu, finora non adottato da nessun comune italiano, nonostante gli incendi che per tutta l’estate hanno devastato il nostro Paese.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments