escursioni-in-barca-golfo-di-napoli-01-g

NAPOLI – Con la partecipazione dell’assessora di riferimento, Daniela Villani, e del dirigente del servizio Tutela del mare, Antonio Carpenito, la commissione Qualità della vita presieduta da Francesco Vernetti ha oggi affrontato le problematiche del servizio che, nato nel 1998, si occupa della tutela del litorale, esclusi gli ambiti portuali.La riunione, richiesta dal consigliere Langella (Dema) per prendere coscienza della situazione attuale del servizio e delle necessità per garantire un’attività che salvaguardi la risorsa-mare per i cittadini, ha visto numerose domande e valutazioni dei consiglieri, da Aniello Esposito (PD)

che ha sottolineato la necessità di maggiore attenzione per gli arenili pubblici che, seppure non utilizzabili per la balneazione, come San Giovanni a Teduccio, costituiscono una risorsa per i cittadini a patto che siano puliti, attrezzati con docce e bagni, a Fulvio Frezza (Riform. dem. con de Magistris) che ha suggerito il ricorso a finanziamenti europei per la pulizia degli arenili e formule innovative, come “adotta una spiaggia” per coinvolgere i cittadini nella valorizzazione degli arenili come luoghi di aggregazione, al presidente Vernetti che ha auspicato che, seppure nella carenza di risorse, si rendano fruibili gli arenili cittadini anche ai diversamente abili, ristabilendo, dove questa è compromessa da occupazioni abusive e vandalismi, la legalità.Il dirigente Carpenito ha illustrato le competenze del servizio Tutela del mare al quale sono affidati gli arenili di San Giovanni, la Rotonda Diaz e la spiaggetta davanti alla Colonna Spezzata, l’arenile adiacente al lido Sirena di Posillipo, la spiaggia della Gaiola, il Lido Comunale e il Pontile Nord di Bagnoli; dalla creazione del servizio ad oggi il personale si è più che dimezzato (inizialmente contava 90 unità), attualmente le attività vengono garantite con l’affiancamento di lavoratori socialmente utili e soci cooperatori; i mezzi a disposizione sono due gommoni (dei quali uno al momento non attrezzato), a disposizione anche della Polizia Ambientale per l’attività di sorveglianza sugli scarichi, ed uno spazzamare che effettua regolarmente il servizio nel mare balneabile (da Castel dell’Ovo a Posillipo); anche per questa stagione, sarà effettuato il servizio di pulizia degli arenili, con l’utilizzazione di mezzi meccanici; il finanziamento in bilancio del servizio, comunque non ingente nei bilanci precedenti (40mila euro in tutto) potrebbe garantire, oltre alla prosecuzione dell’attività ordinaria, anche il rinnovo della convenzione con l’Università sul rischio idrogeologico.L’assessora Villani ha assicurato massima attenzione per il recupero della fruibilità degli arenili, soprattutto nelle zone periferiche, ed elencato le iniziative in programma per vitalizzare la costa, tutte improntate, data la situazione di difficoltà finanziaria comunale, al coinvolgimento di operatori, come i circoli nautici, associazioni e sponsor: a maggio, in vista del mese dedicato al mare, che sarà ottobre, partiranno su tutte le spiagge pubbliche attività sportive gratuite per i ragazzi; sempre a maggio, una serie di attività sportive e musicali saranno svolte sul Pontile Nord di Bagnoli, che tra poco sarà aperto anche il pomeriggio; infine, grazie ad una delibera che presto la Giunta approverà, con “Patti di collaborazione” con privati sarà possibile installare in diversi luoghi cittadini, compresi gli arenili, bagni pubblici. Il Comune, ha infine comunicato l’assessora Villani, ha partecipato, con buone possibilità di ottenere finanziamenti, a tre bandi europei grazie ai quali le iniziative per la qualità della vita potranno consolidarsi ed espandersi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments