borrelli

NAPOLI – “Non riusciamo a capire per quale motivo la Soprintendenza ha deciso che si devono rimettere i sanpietrini al corso Vittorio Emanuele, già asfaltato in gran parte, mentre alla Riviera di Chiaia s’è, giustamente, deciso di asfaltare la strada, anche grazie alle pressioni arrivate da manifestazioni e petizioni”.

Lo hanno detto i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, i consiglieri comunali Stefano Buono e Marco Gaudini e i consiglieri della Seconda Municipalità, Salvatore Iodice e Rosanna Laudanno, annunciando una raccolta di firme tra residenti, commercianti e quanti percorrono il corso Vittorio Emanuele per chiedere di asfaltare quella strada, eliminando i sanpietrini così come è stato fatto alla Riviera di Chiaia e come chiesto anche dal presidente della Seconda Municipalità, Francesco Chirico”.“Chiediamo alla Soprintendenza di usare per il corso Vittorio Emanuele lo stesso metodo di giudizio avuto per la riviera di Chiaia dove, proprio in considerazione del traffico sostenuto e degli alti costi di manutenzione dei sanpietrini, inadatti per strade particolarmente trafficate, è stato autorizzato l’uso dell’asfalto venendo incontro alle richieste di residenti e commercianti” hanno aggiunto i Verdi che si chiedono “per quale motivo non c’è la stessa attenzione anche per le richieste di residenti e commercianti di corso Vittorio Emanuele. Questa strada tra l’altro è una delle poche che attraversa l’intera città e quindi va usato assolutamente l’asfalto”.“Ormai è accertato anche che i sanpietrini sono molto più pericolosi perché, se sottoposti a continue sollecitazioni, tendono a staccarsi e possono diventare veri e propri proiettili se finiscono sotto le ruote di auto e camion” hanno concluso i Verdi per i quali “in assoluto, le strade con i sanpietrini sono più pericolose perché destinate a zone poco trafficate o addirittura alle isole pedonali. Non a caso la parte di Corso Vittorio Emanuele dove ancora ci sono i sanpietrini è quella con il maggior numero di incidenti rispetto a quella asfaltata”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments