Foto_comunicato_n__179

NAPOLI – Le problematiche di igiene urbana, mobilità e sicurezza della zona di via Emanuele Gianturco esaminate oggi nella riunione congiunta delle commissioni Qualità della Vita e Welfare, presiedute rispettivamente da Francesco Vernetti e Maria Caniglia.

Sono intervenuti l’assessora alla Qualità della Vita Daniela Villani, Giovanni Morelli dell’assessorato al Welfare, Gianfranco Iodice e Ciro Calderazzi di Asia Napoli e diversi rappresentanti della Quarta Municipalità.Scarsa illuminazione, spazzamento inefficace, conferimento scorretto di rifiuti urbani all’indomani dell’avvio della raccolta porta a porta, mancanza di aree verdi e di ritrovo per i ragazzi, prostituzione diffusa nelle strade, aumento di furti negli appartamenti. Sono le problematiche esposte oggi nella riunione da una rappresentanza di cittadini riuniti nel Comitato civico Gianturco, che ha sollevato anche la questione del difficile rapporto con la comunità e i commercianti cinesi, alla quale vengono ascritti comportamenti scorretti soprattutto in materia di conferimento dei rifiuti. Lo spazzamento delle strade, ha spiegato Iodice di Asia Napoli, avviene con l’ausilio di mezzi meccanizzati, ritenuti più adatti per le dimensioni delle strade e dei marciapiedi, che vengono comunque spazzati manualmente almeno una volta la settimana. La presenza di sacchetti nelle campane stradali, ha aggiunto, costituisce un elemento fisiologico e ricorrente in ogni quartiere della città all’indomani dell’avvio del sistema di raccolta porta a porta. I controlli, già serrati specialmente nei confronti dei commercianti, verranno comunque intensificati a seguito delle segnalazioni di oggi, in particolare riguardo al conferimento di olio esausto direttamente nel sistema fognario. Facilitazioni alla viabilità, ha assicurato l’assessore municipale Giovanni Parisi, verranno nei prossimi giorni dalla parziale rimozione del cantiere prospiciente il ponte di via Brin, mentre il consigliere municipale Stabile ha assicurato una riflessione sul tema delle aree da destinare a ritrovo dei giovani del quartiere. Il consigliere Langella (Dema) ha proposto una riflessione congiunta con la commissione consiliare Mobilità per affrontare correttamente il problema della viabilità e del traffico, particolarmente intenso nella zona. Per le aree a verde, l’assessora Villani ha ricordato che la delibera sugli orti urbani da realizzare sottraendo aree incolte al degrado ed affidandole ad associazioni è in via di elaborazione ma costituisce già una precisa traccia di lavoro per gli uffici. Sul tema dei rifiuti, l’assessora ha poi proposto l’avvio di un’interlocuzione con le aziende locali che commercializzano prodotti in vetro per ipotizzare agevolazioni a fronte dell’utilizzazione del sistema del vuoto a rendere.Sul fenomeno della prostituzione diffusa nelle strade della zona, la presidente Caniglia ha ricordato l’impegno della commissione ad una corretta trattazione del tema sotto l’aspetto del contrasto al fenomeno della tratta. La consigliera Menna (Movimento 5 Stelle) ha ricordato la necessità di considerare la particolare situazione delle donne trans, in molti casi prostitute per necessità, e delle migranti, mentre, sullo stesso tema, Giovanni Morelli dell’assessorato al Welfare ha ricordato l’impegno dell’unità operativa Emergenze sociali nell’individuazione e nel contrasto alla prostituzione minorile e la collaborazione con le associazioni che lavorano nel contrasto al fenomeno della tratta.Le problematiche sollevate, ha suggerito la consigliera municipale Simona Riso, vanno affrontate in un unico sistema per individuare soluzioni complessive, a partire dall’interlocuzione con la comunità cinese attraverso mediatori culturali. Il presidente Vernetti ha assicurato ulteriori sedute dedicate al tema.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments