NAPOLI– La commissione Scuola, presieduta da Luigi Felaco, ha incontrato oggi i rappresentanti dell’associazione Libera, Mariano Di Palma e Antonio D’Amore, per discutere delle iniziative per il prossimo 21 marzo, quando si celebrerà la XXIIa giornata della memoria e dell’impegno in memoria delle vittime innocenti delle mafie.

La XXIIa giornata della memoria promossa dall’associazione Libera avrà quest’anno una sede ad alto tasso simbolico: il parco Conocal di Ponticelli. Una scelta di coraggio, ha spiegato il coordinatore di Libera Mariano Di Palma, che punta ad avviare un lavoro sinergico tra l’associazione ed il Comune di Napoli per far sì che la data del 21 marzo non resti un evento isolato ma il tassello di un percorso di impegno e partecipazione nelle zone più complesse della città.
Primo passo necessario per rafforzare consapevolezza e coscienza critica è il coinvolgimento delle scuole di ogni ordine e grado. Solo in questo modo, ha aggiunto il coordinatore provinciale di Libera Antonio D’Amore, si potrà intervenire nel processo educativo delle giovani generazioni arginando il fenomeno sempre più diffuso delle baby-gang.Molte le iniziative messe in campo per la giornata: un confronto con psicologi e criminologi per discutere di giustizia riparativa, cioè il percorso di riavvicinamento tra familiari delle vittime e autori degli omicidi; dibattiti sull’uso dei beni confiscati per avviare progetti di co-housing e co-working e iniziative di economia civile, finanza etica, welfare di comunità; ma anche l’individuazione di luoghi in vari punti della città, dove in contemporanea verranno letti i nomi delle oltre 1000 vittime delle mafie. Sono tutte iniziative che richiedono un percorso di collaborazione con le istituzioni, e da questo punto di vista è da registrare una disponibilità di Eav e Anm per istituire tariffe agevolate durante quella giornata e diffondere dai propri altoparlanti i nomi delle vittime innocenti.
Per il presidente Felaco quattro sono i punti sui quali la Commissione potrà intervenire: un invito diretto a tutte le scuole del territorio per avviare incontri preliminari con Libera in previsione della manifestazione di marzo, una stretta collaborazione per l’individuazione dei punti di lettura, il coinvolgimento delle Municipalità per diffondere l’iniziativa, un incontro pubblico con tutti i referenti coinvolti per una giornata di approfondimento. Per Paola Del Giudice, consigliera della Xa Municipalità, il territorio di Fuorigrotta e Bagnoli potrà ospitare, ad esempio nell’ex area Nato, una manifestazione che coinvolga le tante Università presenti nel territorio. Per i commissari intervenuti necessario è avviare un dialogo costruttivo con le assemblee di istituto per coinvolgere le scuole superiori (Marco Gaudini, Verdi-Sfasteriati) e con gli ordini professionali per adeguare i codici etici (Francesca Menna, Movimento 5 Stelle).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments