IMG_3826

NAPOLI – Si è concluso con l’VIIIª Municipalità il ciclo di incontri promossi dalla Commissione Ambiente, presieduta da Marco Gaudini, per discutere delle reali criticità dei territori ma anche delle buone pratiche in corso.

Una cooperazione concreta tra Municipalità e Amministrazione Comunale per scongiurare i problemi ambientali di un territorio che è costituito dal 60% dell’intero verde della città. E’ quello che hanno chiesto in Commissione Giovanni Pagano, Assessore all’Ambiente dell’VIIIª Municipalità, e Claudio Di Pietro, consigliere municipale. Ma il problema serio e urgente non è tanto la manutenzione del verde, quanto la potenziale “bomba ecologica” rappresentata dalle discariche a cielo aperto nella zona di Chiaiano, in particolare nell’area del Cimitero, di Via Cocchia, Via Mugnano Marianella, Via Roma verso Scampia, Via Ansaldo, Rampa Zuccarini. A questo si aggiunge l’atavico problema dell’amianto presente in grandi quantità sui tetti delle case popolari e nelle stesse Vele. Una situazione di degrado generale, ha denunciato Pagano, alla quale si aggiunge il serio problema dei roghi di rifiuti in corrispondenza dei campi Rom. Quest’ultimo fenomeno, ha ricordato Di Pietro, rischia di mettere in discussione la tenuta sociale del territorio, alimentando fenomeni diffusi di intolleranza anche a causa delle poche azioni di contrasto concrete, in un quartiere che sfiora il 70% della disoccupazione. Necessaria infine una maggiore sinergia con la Napoli Servizi per implementare gli interventi sul verde di loro competenza.Il consigliere Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha ricordato l’annosa questione delle discariche e delle cave di Chiaiano, sulla quale si hanno poche notizie chiare e molti sono i dubbi sulla gestione in sicurezza della discarica chiusa (ad esempio sui livelli di percolato e sulla generale qualità dell’aria). È urgente sollecitare l’uso di telecamere mobili per sanzionare lo sversamento abusivo di rifiuti, un’azione incisiva della Polizia Ambientale per individuare i proprietari dei sette capannoni abbandonati insistenti sul territorio, per i quali è necessario procedere alla bonifica, migliorare la raccolta differenziata, anche presso le attività commerciali, ed il servizio di spazzamento, oltre che assicurare in tempi rapidi la messa in sicurezza del muro di Via Comunale Margherita, un’arteria nevralgica per la viabilità da mesi chiusa al traffico. Sui roghi di rifiuti, che persistono anche lungo l’Asse Mediano, una consulta con i rappresentanti della comunità Rom potrebbe infine individuare soluzioni durature al problema. Per Francesco Vernetti (Dema) è necessario avviare un dialogo interistituzionale con il Servizio Patrimonio, per risolvere la questione di Via Comunale Margherita, e con la Polizia Provinciale e la Prefettura per affrontare in modo concreto la questione delle discariche abusive e dei campi Rom, e spezzare così i meccanismi di un vero e proprio sistema che investe anche altre zone della città. Domenico Palmieri (Napoli Popolare) ha infine sollecitato misure di manutenzione del verde in alcune aree recentemente riqualificate, come il mercato coperto “La Piramide”, che sarebbero il segnale della presenza sul territorio dell’amministrazione comunale anche nella gestione ordinaria.Necessaria un’operazione di alto impatto da parte della Polizia Ambientale su tutto il territorio di Piscinola, Chiaiano e Scampia, ha concluso il Presidente Gaudini, che ha anche annunciato un documento unitario da sottoporre all’assessore all’Ambiente Del Giudice sulle problematiche di tutte le Municipalità ascoltate in questo ciclo di incontri.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments