2

NAPOLI – “Ho deciso di sostenere i Verdi perché sono una forza politica coerente con la quale ho già condiviso diverse battaglie e lo faccio con ancor più convinzione perché hanno scelto di sostenere il sindaco De Magistris e sarò garante dell’attuazione del programma concordato”.

Lo ha detto lo scrittore Maurizio De Giovanni che, questa mattina, nel Gambrinus di Napoli, ha partecipato a una conferenza stampa nel corso della quale ha spiegato perché ha deciso di sostenere i Verdi alle ormai prossime elezioni comunali di Napoli. Alla conferenza stampa erano presenti anche il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, i portavoce cittadino, Stefano Buono, e regionale, Vincenzo Peretti, il capolista per il Consiglio comunale di Napoli, Augusto Lacala, e Benedetta Sciannimanica, portavoce regionale del Sole che ride e candidata presidente alla Municipalità Chiaia, Posillipo e San Ferdinando.“Confesso che se i Verdi avessero deciso di appoggiare Valente, non sarei stato al loro fianco, dopo quel che è successo alle primarie, ma, fortunatamente, hanno scelto un candidato Sindaco che ha già dimostrato di poter fare qualcosa di buono per la nostra amata Napoli dimostrando di avere a cuore solo le sorti della città e non gli interessi personali e la conquista di una poltrona” ha aggiunto De Giovanni per il quale “Napoli deve continuare a puntare sull’enorme patrimonio culturale e naturale di cui dispone per creare occupazione ed economia sana”.Nel presentare De Giovanni, prima di andare a Taverna del Re per seguire il trasferimento delle prime ecoballe, Borrelli ha sottolineato che “i Verdi sono stati gli unici a non aver avuto problemi nella presentazione delle liste perché non c’è stato alcun mercato delle vacche con candidati inseriti e poi tolti dagli elenchi perché avevamo intenzione di proporre solo persone che condividessero i nostri ideali e volessero impegnarsi per migliorare la nostra città, quartiere per quartiere”.Sull’attenzione da riservare alle periferie, s’è soffermato il portavoce cittadino, Stefano Buono, per il quale “bisogna dare speranza ai quartieri periferici sfruttando a pieno le opportunità offerte dai fondi europei e su questo sarà determinante la collaborazione con la Regione e, in questo, sarà fondamentale il ruolo dei Verdi che potranno essere pontieri tra Comune e Regione visto che nel Consiglio regionale siamo in maggioranza con De Luca”.Lavoro e ambiente, invece, sono le parole d’ordine per Augusto Lacala, patròn di Bidonville e della Fiera del baratto e dell’usato per il quale “molti dei problemi che si trovano ad affrontare Napoli e i napoletani si risolverebbero creando più occupazione e c’è la possibilità di creare posti di lavoro rispettando l’ambiente ed è questo uno dei motivi per cui ho accettato l’invito a guidare la lista dei Verdi perché sono convinto che siano la forza politica giusta per proporre certi temi e certe azioni”.Sciannimanica, infine, ha detto che “ci sono periferie anche nel centro della città”, facendo l’esempio di San Ferdinando dove bisogna pensare al recupero dell’area mercato magari con l’aiuto degli artisti. La candidata alla Presidenza della I Municipalità, poi, ha invitato “a non scegliere chi ha già fallito nell’ultimo decennio a Chiaia, Posillipo e San Ferdinando, ma gente che conosce le competenze della Municipalità e si candida per risolvere problemi e non per fare inutili polemiche politiche con il Comune”.

{youtube}WisEnUcLAc4{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments