foto_com__102_II

NAPOLI – Prima dell’inizio dei lavori, si è svolto in Consiglio Comunale il Question Time. Presieduto dal Vice Presidente Fulvio Frezza, si è svolto in Consiglio Comunale il Question Time

(interrogazioni a risposta breve), durante il quale l’Amministrazione ha risposto ai quesiti dei consiglieri: Capasso (Dema), sulla realizzazione di un campo di calcio nel centro sportivo di Scampia da parte del consorzio Ecopneus, che utilizza materiali provenienti da pneumatici fuori uso. La procedura, ha risposto l’assessore all’Ambiente Del Giudice, per quanto complessa, è a buon punto, grazie anche all’impegno del Ministero dell’Ambiente, e consentirà in tempi brevi di donare al quartiere un campetto nuovo e soprattutto gratuito. Il consigliere Nonno (Gruppo misto-Fratelli d’Italia) ha posto una serie di quesiti relativi a: i servizi offerti dal portale multicanale PMI in materia urbanistica a favore dei professionisti, servizi prima interrotti ed ora, come assicurato dall’assessore all’Urbanistica Piscopo, ripristinati, in attesa di ulteriori finanziamenti per assicurare servizi più aggiornati; la mancata definizione delle pratiche di condono edilizio nelle aree di Pianura sottoposte a vincolo cimiteriale o ferroviario, che consentirebbero al Comune di incassare somme cospicue. La questione, ha chiarito l’assessore Piscopo, richiede una pronuncia del Consiglio comunale sulla sussistenza di un rilevante interesse pubblico. Sulle infiltrazioni dei solai di copertura in via Claude Monet a Pianura e sugli interventi di manutenzione agli alloggi e agli ascensori di via Torricelli a Pianura, l’assessore al Patrimonio Borriello ha spiegato che alcuni interventi agli ascensori sono stati effettuati, mentre per quelli ai lastrici si attende lo stanziamento di nuove risorse in bilancio. Stresso discorso va fatto anche per il progetto della cittadella dello sport a Pianura, per la quale era stata coinvolta anche la Regione che, però, non ha dato seguito agli impegni presi. Sull’impianto fognario di via Picasso a Pianura ha risposto l’assessore alle Infrastrutture Calabrese per precisare che esisteva solo uno studio di fattibilità e non un progetto vero e proprio, al quale stanno lavorando ora gli uffici. L’ultimo quesito posto dal consigliere Nonno ha riguardato la mancata assunzione di un cittadino appartenente alle categorie protette nella partecipata Asia. Dopo la convocazione, risalente al 2003, nessuna comunicazione è pervenuta al cittadino interessato per spiegare la mancata assunzione. L’assessore alle Partecipate Palma ha spiegato che dalle informazioni raccolte è risultato che la persona in questione non avrebbe superato la prova scritta prevista, un punto sul quale il consigliere Nonno ha chiesto di ricevere ulteriori approfondimenti.
L’ultimo quesito di oggi, posto dal consigliere Palmieri (Napoli Popolare), ha riguardato la struttura sportiva di viale Giochi del Mediterraneo, di proprietà del Comune, oggetto di una convenzione con la Federazione Italiana Tennis e da questa affidata ad una società sportiva che non ha mai versato il canone previsto all’Amministrazione. La vicenda, al centro di numerose interrogazioni consiliari, è oggi al centro di diversi contenziosi tra i soggetti coinvolti e per questo, ha proposto l’assessore allo Sport Borriello, merita un approfondimento nella competente commissione. Dopo le prime denunce, ha comunque chiarito Borriello, l’Amministrazione si è attivata per rientrare in possesso del bene e delle somme dovute e mai versate.Dopo il Question Time, il Consiglio Comunale ha iniziato i lavori con la nomina del consigliere Vincenzo Moretto, subentrato a Gianni Lettieri, dimessosi, e con gli interventi su questioni urgenti ai sensi dell’articolo 37 del regolamento interno. Subito dopo, la decisione di rinviare il dibattito sul Patto per Napoli e l’inizio della discussione sulla delibera per introdurre nello Statuto il riconoscimento di Napoli come Città di Pace.Presieduto dal Presidente Sandro Fucito, il Consiglio Comunale si è aperto alla presenza di 26 consiglieri. Come primo atto, il Consiglio ha attribuito il seggio resosi vacante a seguito delle dimissioni del consigliere Giovanni Lettieri, a Vincenzo Moretto, del quale ha esaminato le condizioni di eleggibilità: la nomina è stata convalidata all’unanimità. Al consigliere Moretto gli auguri di buon lavoro del Sindaco de Magistris che, richiamando anche la nomina di Arienzo a presidente del gruppo PD, si è augurato una stagione di confronto e dialettica democratica. I lavori dell’Aula sono proseguiti con gli interventi urgenti ai sensi dell’art. 37 del Regolamento Comunale: il consigliere Fulvio Frezza (Riformisti Democratici con de Magistris) è intervenuto sulle scuole materne comunali nelle quali assenze per malattia delle ultime settimane evidenziano la carenza di di personale sollecitando l’amministrazione ad effettuare scelte coraggiose per procedere all’assunzione di nuovi insegnanti; la consigliera Francesca Menna (Movimento 5 Stelle) ha denunciato la manipolazione dei mass media sui fatti dello scorso 11 marzo, in occasione della visita a Napoli di Matteo Salvini, per i quali si può parlare di una “strategia della tensione” e di una trappola della quale il Sindaco sembra essere caduto, ribadendo la necessità di uno sguardo politico sulla libera partecipazione, spontanea, ultimo baluardo della libertà; il consigliere Federico Aienzo (Partito Democratico) ha ringraziato i colleghi di partito per averlo scelto come capogruppo e ha espresso la propria convinzione che, in un’epoca di delegittimazione nel linguaggio politico, occorra mantenere toni pacati, in nome del rispetto reciproco e del rispetto dei cittadini che esprimono bisogni ai quali la politica deve dare risposte; sulla vicenda de “La Gloriette”, ha ipotizzato la possibilità che, vista l’impossibilità, dichiarata dal Sindaco, di intervenire nel lavoro svolto dalla commissione, la cooperativa Agende Rosse, assegnataria del progetto, rinunci a favore di Orsa Maggiore; il consigliere Andrea Santoro (Misto – Fratelli d’Italia) è intervenuto su Acqua Bene Comune denunciando che manca ancora di vertici in grado di assicurare l’efficienza del servizio, con disagi subiti dai cittadini evidenziando la necessità che al commissariamento segua la nomina del consiglio di amministrazione; sulla vicenda di Salvini, ha denunciato che per valutazioni di convenienza politica si sia trascurato di valutare i rischi, anche per le forze dell’ordine, ed ha chiesto che il Consiglio comunale si esprima contro ogni forma di violenza e che iòl Comune si costituisca parte civile nei confronti di coloro che verranno rinviati a giudizio in seguito ai fatti dell’11 marzo; il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha espresso apprezzamento per la scelta di Lettieri di dimettersi da un Consiglio al quale non ha quasi partecipato e che anzi ha denigrato ed ha denunciato come “armi di distrazione di massa” le discussioni di questi giorni che distolgono l’attenzione da temi urgenti come il bilancio, o la situazione dei trasporti; il consigliere Moretto (Prima Napoli) ha ringraziato gli elettori che da anni lo sostengono, così come i consiglieri di maggioranza e opposizione con i quali si confronta da tempo e, pertendo da una analisi attenta dei giorni precedenti i fatti dell’11 marzo, ha preannunciato una mozione di accompagnamento alla delibera 618 (Napoli Città di Pace) con l’invito al Sindaco ad attivarsi per manifestare la solidarietà alle forze dell’ordine che hanno consentito con il proprio operato l’esercizio della libertà di espressione garantito dalla Costituzione e a condannare gli episodi di violenza accaduti; il consigliere Ciro Langella (Prima Napoli) è intervenuto per sapere che cosa accadrà del parco Robinson di Fuorigrotta, chiuso da anni, e per denunciare che nell’edificio di via Serapide, dopo il crollo, è stato effettuato un intervento di carattere privato, da un consigliere della prima Municipalità, che non ha provveduto a rimuovere i materiali lasciati in strada per i quali è poi intervenuta Asìa; Luigi Felaco (Dema) è intervenuto per ricordare la giornata della memoria delle vittime della mafia che sarà celebrata domani ed ha auspicato la partecipazione di tutti alla manifestazione prevista con le scuole.Terminati gli interventi urgenti, il Vice Sindaco Raffaele Del Giudice è intervenuto per proporre al Consiglio di rinviare la discussione sul Patto per Napoli e sul bando delle periferie in quanto, con la prossima visita del ministro competente per fare il punto sugli interventi sicuramente ci saranno aggiornamenti utili alla discussione. Sulla proposta di rinvio si sono dichiarati in disaccordo Arienzo del PD, ribadendo la necessità di discutere un argomento cruciale per la vita della città; Santoro (Misto Fratelli d’Italia) che ha denunciato come grave la scarsa considerazione del ruolo del Consiglio; Brambilla (Mov. 5 Stelle) ha rimarcato che gli interventi sono stati già decisi dal Sindaco in qualità di Sindaco metropolitano, senza che la Città Metropolitana sia stata consultata, ed ha chiesto che quando si affronterà la discussione lo si possa fare con i documenti, gli studi di fattibilità finora inutilmente chiesti ed i progetti concreti.La proposta di rinvio è stata votata per appello nominale ed accolta con 22 sì ed una astensione ed il Consiglio è passato all’esame della proposta di introdurre nello Statuto comunale il riconoscimento di Napoli come Città di Pace.Dopo un lungo dibattito (di cui riferiamo a parte) sulla delibera e su diversi documenti presentati dalle opposizioni, il consiglio ha approvato a maggioranza, dopo averla emendata, la delibera proposta dalla Giunta (n. 618 del 20.10.2016) sull’integrazione dell’articolo 3 (Finalità dello Statuto comunale) con il comma 4 con il quale si riconosce alla Città di Napoli il ruolo di “Città di Pace e di Giustizia”. La votazione è avvenuta con appello nominale, come previsto per le modifiche statutarie, e ha dato il seguente risultato: 27 voti favorevoli e 4 astenuti.

{youtube}OO5qCF5udf8{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments