Borrelli_a_L_arena

NAPOLI– “Anche la notte scorsa, nonostante l’impegno costante mai quanto in questo periodo della polizia municipale, interi quartieri di Napoli sono diventati terreno di conquista per i parcheggiatori abusivi che hanno occupato, con auto e moto, anche la carreggiata e i marciapiedi, rendendo, nei fatti, impossibile la circolazione”.

A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, ospite de L’arena di Giletti su Rai Uno per parlare del suo impegno contro i parcheggiatori abusivi che lo ha portato anche ad aprire la pagina facebook “Io odio i parcheggiatori abusivi”, insieme a Gianni Simioli de La radiazza e al consigliere comunale del Sole che ride, Marco Gaudini, per raccogliere denunce e segnalazioni che poi vengono inoltrate alla polizia municipale e alle altre forze dell’ordine oltre a creare una sorta di mappa del parcheggio abusivo.“Stanotte abbiamo avuto diverse segnalazioni dalla zona di Santa Lucia dove i parcheggiatori, con atteggiamento camorrista, imponevano il pizzo per parcheggiare le auto nei posti più impensati senza alcun rispetto per pedoni e automobilisti” ha continuato Borrelli raccontando che “due sposi e tutti i loro invitati si sono affidati ai parcheggiatori abusivi che hanno messo le auto sui marciapiedi”.Per Borrelli “le nuove norme sulla sicurezza urbana sono una buona arma per combattere questa guerra contro i parcheggiatori abusivi, ma vanno applicate senza alcuno sconto e senza pietismi verso persone che non sono disperati alla ricerca di qualcosa da guadagnare, ma veri e propri delinquenti, spesso al soldo della camorra, che impongono il pagamento di un pizzo per poter parcheggiare, visto che, in alcune zone e in alcuni giorni, arrivano a chiedere fino a 15 euro per poter parcheggiare un’auto di grossa cilindrata visto che fanno anche differenze in base alle auto”.

VIDEO

https://www.facebook.com/francesco.e.borrelli/videos/vb.1590184396/10211300504340278/?type=2&theater

https://www.facebook.com/pg/francescoemilio.borrelli/videos/?ref=page_internal

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments