Festa

NAPOLI – In continuità con l’esperienza molto positiva dello scorso anno, ma con una formula innovativa per raggiungere in maniera più capillare i cittadini. La Festa dell’Unità promossa dal Pd Campania cambia volto e diventa per la prima volta la festa di tutta la Campania

, coinvolgendo i capoluoghi di provincia e alcuni tra i principali comuni della regione. Il programma prevede una serie di appuntamenti, ognuno dei quali avrà al centro i temi cardine dell’azione messa in campo dai governi nazionale e regionale, con la presenza di esponenti nazionali del partito, del Governo Renzi e della Giunta guidata da Vincenzo De Luca, oltre a rappresentanti della cultura, dell’università e del mondo sociale e produttivo.I momenti di dibattito si svilupperanno intorno al titolo scelto per la Festa, ovvero ‘La Campania, insieme si può’. I simpatizzanti, i militanti e i cittadini avranno molteplici occasioni per riflettere con gli ospiti presenti sulle potenzialità dei territori e per confrontarsi sul lavoro che stanno svolgendo Governo e Regione. Si riparte il 17 settembre da Ercolano, dove si è svolta l’edizione 2015, che ha visto la partecipazione di oltre 6mila persone. Il comune vesuviano sarà teatro di un dibattito sulla riforma costituzionale approvata dal Parlamento e sul referendum confermativo, al quale parteciperà il ministro per le Riforme costituzionali, Maria Elena Boschi.
Il 23 settembre a Solofra (Avellino) si parlerà di politiche ambientali con il vicepresidente della Giunta regionale, Fulvio Bonavitacola, e la responsabile nazionale Ambientedel Pd, Chiara Braga. Il 28 settembre la Festa farà tappa a Napoli per il forum con i sindaci e gli amministratori del Partito democratico, che sarà utile per mettere a sistema le buone pratiche già sperimentate nei campi dell’ambiente, attività produttive e fondi Ue, beni culturali e turismo, piccoli Comuni e Comunità montane, politiche sociali e per l’infanzia e l’adolescenza. Interverranno il presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, e un esponente nazionale del partito.
Il 3 ottobre a Napoli, all’interno del campus scelto dalla Apple per il primo Centro di sviluppo app a livello europeo, il presidente del Cnr, Luigi Nicolais, e il presidente della Crui, Gaetano Manfredi, discuteranno di innovazione e nuove tecnologie, partendo dal contributo offerto dai centri accademici e di ricerca campani e dalle opportunità presenti sul territorio.Il 10 ottobre, ancora a Napoli, si discuterà di politiche del lavoro con il deputato del Pd Guglielmo Epifani, presidente della commissione Attività produttive, Commercio e Turismo.Il 16 ottobre il viceministro allo Sviluppo economico, Teresa Bellanova, sarà a Salerno per parlare di inclusione sociale e lotta alla povertà. Sarà anche l’occasione per fare il punto sul Piano nazionale varato dal Governo, attivo da settembre.Si chiuderà a ottobre con il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, in un convegno dedicato al Mediterraneo e al ruolo dell’Italia nella gestione del fenomeno migratorio.I Giovani democratici della Campania daranno un prezioso contributo all’organizzazione degli incontri e saranno protagonisti di un evento al quale parteciperà un esponente nazionale del partito, nonchè i vertici regionali del partito.Il programma è stato definito nel corso della segreteria regionale che si è svolta in mattinata a Napoli, alla quale sono stati invitati a partecipare i segretari provinciali. Il calendario completo, con gli altri incontri organizzati dai circoli cittadini e dalle federazioni provinciali, sarà consultabile nei prossimi giorni e sarà inviato agli organi di informazione.Sono previsti, inoltre, una serie di incontri tematici a carattere regionale sul referendum confermativo e sui contenuti della riforma costituzionale.
A cominciare dalla kermesse ‘Il Sannio che dice sì’, in programma dal 16 al 18 settembre e che coinvolgerà esponenti nazionali e la stessa segreteria regionale.
Per valorizzare il lavoro che stanno svolgendo sul territorio i comitati per il ‘sì’, si è deciso di creare una cabina di regia regionale con funzioni di coordinamento. Il tema sarà al centro di una segreteria regionale che sarà convocata nei prossimi giorni.Negli interventi è stato ribadito il ruolo chiave di Napoli e dell’area metropolitana per il rilancio della regione e la disponibilità della segreteria regionale a mettere in campo un ulteriore impegno per affrontare le criticità presenti, in vista degli importanti appuntamenti che ci attendono.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments