NAPOLI – <<Parte sul territorio della Prima Municipalità – dichiara il Presidente Chiosi – la sperimentazione del rilascio del Qrcode associato alle concessioni di occupazione suolo pubblico (passi carrai, aree per attività commerciali, edilizie…).

A seguito della realizzazione del progetto “Utilizzo del dispositivo QR code ad integrazione degli atti autorizzativi rilasciati delle municipalità relativi alle occupazioni di suolo pubblico, con l’obiettivo di efficientare i controlli di legittimità degli stessi”promosso grazie al lavoro dei tecnici del SAT della Prima Municipalità, ha avuto inizio con il 2016 la nuova modalità di rilascio delle autorizzazioni per l’occupazione di suolo pubblico.Tale innovazione – spiega Chiosi – risulterà molto utile alle operazioni di verifica: chi verifica la regolarità e la validità della autorizzazione, accede, attraverso il qr-code che è stato preventivamente rilasciato al concessionario, al documento originale custodito presso gli archivi del Servizio che l’ha rilasciato.Sull’area della concessione dovrà pertanto essere esposto un codice elettronico (QRCODE in inglese Q R Code , abbreviazione di Q uick Response Code è un codice a barre bidimensionale, ossia a matrice, composto da moduli neri disposti all’interno di uno schema di forma quadrata.), di facile ed agevole rilevazione con supporti fotografici ed elettronici, che consentirà di consultare direttamente negli archivi dell’Amministrazione i titoli esposti. Il codice elettronico (QRCODE), sarà rilasciato dal Servizio della Municipalità al momento del rilascio e/o dalla variazione dei titoli autorizzativi.Abbiamo chiesto all’amministrazione comunale – continua il Presidente – di estendere il progetto anche al Servizio Polizia Amministrativa, per il rilascio del QRCODE anche ai pubblici esercizi concessionari di suolo pubblico.Con questo sistema – conclude Chiosi – si rivoluziona il sistema dei controlli. Ogni cittadino, dotato di uno smartphone con un’applicazione gratuita di lettura di QRCODE, potrà visionare le concessioni rilasciate dal Comune e segnalare eventuali abusi. Ovviamente abbiamo interessato anche la Polizia Locale che potrà esser molto più celere nei controlli. Ringrazio vivamente i tecnici del Servizio Attività Tecniche della Municipalità che hanno sviluppato e concretizzato un’idea che portavamo avanti da tempo>>.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments