NAPOLI – Prima di entrare nel merito della seduta odierna, dedicata al tema Welfare e politiche sociali, in Consiglio si sono svolti gli interventi urgenti dei consiglieri su argomenti non iscritti nell’ordine dei lavori.

Il Consiglio, presieduto da Alessandro Fucito, ha avviato i lavori alla presenza di 30 consiglieri.Per interventi su questioni urgenti (previsti dall’articolo 37 del regolamento interno) sono intervenuti i consiglieri: Andrea Santoro (Napoli Capitale) per sottolineare l’indispensabilità del ruolo dei volontari della protezione civile nelle zone più affollate di turisti sottolineando che i volontari sono in attesa dei rimborsi spesa loro dovuti da più di un anno; Marco Nonno (Prima Napoli) per chiedere che la Giunta chiarisca la propria posizione sui 106 lavoratori delle cooperative sociali in lotta sottolineando che da tre giorni presidiano il palazzo del Consiglio senza ricevere risposte certe da parte dell’amministrazione sul loro futuro; Salvatore Guangi (Forza Italia) per portare all’attenzione del Sindaco la questione della Piazza di Marianella abbandonata al degrado, sottolineando che il territorio merita rispetto e sollecitando il completamento dei lavori; Matteo Brambilla (M5S) per chiedere la sospensione del progetto di restauro dei monumenti, “monumentando”, che ha mostrato numerose irregolarità, tra le quali affidamenti a ditte con carenza di personale e affidamento dei collaudi alle stesse ditte (di comunicazione); Federico Arienzo (PD) ha dato la disponibilità a trattare il prima possibile l’argomento in commissione Trasparenza, di cui è presidente, ed ha contestato le misure di sicurezza dell’Aula messe in campo nell’occasione presente; Stanislao Lanzotti (Forza Italia), sempre sul progetto “monumentando”, si è detto d’accordo sulla necessità di sospenderlo e, in generale, ha chiesto che su alcune questioni poste negli interventi urgenti dai consiglieri sia data risposta ed ha criticato come ingiustificate le misure prese per la seduta odierna; Valeria Valente (PD) per ricordare che già con una interrogazione il gruppo PD sulla questione “monumentando” aveva sollevato una serie di questioni di merito, chiedendo che il rapporto con le opposizioni sia improntato al rispetto reciproco e, sulle questioni di sicurezza, chiedendo di discutere le stesse in conferenza dei capigruppo aprendo per il momento la tribuna per il pubblico ad una delegazione di lavoratori; sullo stesso, ultimo argomento, l’intervento della consigliera Ulleto (Gruppo Misto); Nino Simeone (De Magistris Sindaco) è intervenuto sulle difficoltà organizzative nel lavoro dei consiglieri e, in riferimento alle risorse assegnate per il funzionamento dei gruppi, ha criticato che esse siano state erogate a fine anno e in quantità esigua; ha poi criticato l’atteggiamento della Gesac che, dopo aver assicurato la prosecuzione del servizio Alibus svolto da Anm, ha invece messo a bando il collegamento tra centro città e aeroporto; Alessia Quaglietta (PD) è intervenuta per denunciare che ai consiglieri vengono sottratti strumenti per svolgere il proprio ruolo, ad esempio con la mancanza in Aula dell’assessore Borriello competente al question time previsto per oggi sul Palavesuvio e altre strutture sportive; Brambilla (M5S) è intervenuto nuovamente per stigmatizzare l’atteggiamento dell’assessore ed anche Valente (PD) ha denunciato che le opposizioni vengono messe a tacere, negando loro ogni possibilità di intervento di merito, ed ha sollecitato la presenza in Aula del Sindaco durante gli interventi urgenti; Mara Carfagna (Forza Italia) ha chiesto che sia garantito il fisiologico confronto tra maggioranza e opposizione, sollecitato la presenza degli assessori e criticato in particolare l’assenza del Sindaco durante lo svolgimento del dibattito in occasione della seduta sulla violenza contro le donne; Aniello Esposito (PD) per ribadire che l’assenza dall’Aula di Sindaco, vice Sindaco e Assessori si trascina dalla scorsa consiliatura e per chiedere che il Comune acquisisca gli impianti di pubblica illuminazione che non sono di sua proprietà al fine di garantirne la manutenzione; Ciro Langella (Prima Napoli) ha chiesto, sempre sul problema Alibus, la convocazione dei vertici della Gesac in commissione Mobilità e sottolineate le grosse problematiche dei disabili che ancora non stanno andando a scuola.Nel corso degli interventi urgenti, è stata ammessa una delegazione di lavoratrici e lavoratori delle cooperative sociali alla tribuna del pubblico che era stata inibita per motivi di sicurezza esplicitati dal presidente Fucito in apertura di seduta.Subito dopo gli interventi urgenti, il residente ha dato la parola all’assessora al Welfare Roberta Gaeta per la relazione introduttiva.La seduta del Consiglio in corso è stata sospesa, dopo la relazione dell’assessora Gaeta – della quale riferiamo a parte – sulla situazione del Welfare in città. Le opposizioni, durante la relazione, hanno lasciato l’aula in segno di protesta.Il consigliere Pace (Dema), intervenuto sull’ordine dei lavori, ha ribadito l’auspicio che sia mantenuto il servizio di assistentato materiale agli studenti nelle scuole superiori, un servizio fatto di professionalità che non vanno perse, e ha proposto il rinvio della discussione di questo punto specifico in attesa dell’incontro istituzionale con la Regione Campania, previsto per il prossimo lunedì. La proposta è stata accolta all’unanimità dai presenti.Dopo il rinvio degli altri due punti all’ordine dei lavori (nomina di un rappresentante del Comune nel cda del Convitto Nazionale Vittorio Emanuele e dei sette consiglieri comunali componenti dell’Osservatorio permanente del centro storico- sito Unesco), il consigliere Rinaldi (Napoli in Comune a Sinistra) ha proposto una sospensione della seduta finalizzata alla ricerca di un dialogo con le opposizioni su come riprendere i lavori e all’incontro con una delegazione di lavoratori precari BROS che l’avevano richiesto. La proposta è stata accolta all’unanimità dei presenti e la seduta è stata sospesa fino alle 14.15.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments