borrelli

NAPOLI – “Condividiamo e sosterremo, in tutte le sedi, il presidente del Parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, Tommaso Pellegrino, che ha deciso di negare alla Shell la possibilità di avviare studi propedeutici a trivellazioni tese a ricercare idrocarburi nel sottosuolo dell’area del parco”.

Lo hanno detto i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, il portavoce regionale del Sole che ride, Vincenzo Peretti, e il portavoce dell’area salernitana, Franco D’Orilia, per i quali “è assurdo pensare di trivellare un’area protetta come quella ricadente nell’area del parco e, così come ci siamo sempre opposti alla trivellazione nei campi flegrei, ci opporremo anche alla trivellazione nel Parco del Cilento perché la sicurezza e la bellezza dei nostri territori vengono prima dei soldi delle multinazionali”.“Non siamo contrari alle trivellazioni a priori, ma è chiaro che saremo sempre contrari alle trivellazioni in zone a rischio sismico e vulcanico e in quelle protette” hanno concluso i Verdi per i quali “è una scelta di buon senso e richieste di trivellazioni in quelle aree non dovrebbero essere neanche avanzate e siamo pronti alla mobilitazione politica contro la devastazione del nostro territorio”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments