Verdi_contro_i_fuochi

NAPOLI – L’unico botto di capodanno deve essere quello spumante. Un buon proposito trito e ritrito, che esce dal cassetto ogni anno, e che purtroppo nessuno rispetta. Ma la costanza e la caparbietà dei Verdi a riproporlo è servito negli anni a far calare sensibilmente il numero dei feriti la notte di San Silvestro il 1 gennaio 2015, 31 lo scorso capodanno.

Si spera che quest’anno il dato possa continuare a calare. Al Gambrinus brindisi di fine anno organizzato dal consigliere regionale Francesco Borrelli. “Come ogni anno, i Verdi della Campania saranno impegnati a contrastare la barbara abitudine di sparare fuochi e botti illegali, mettendo a rischio la propria vita e quella di altre persone, oltre che quella degli animali”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, nel corso dell’incontro di fine anno tenutosi al Gambrinus, dove è stata tagliata una torta contro i botti, ideata da Massimiliano Rosati, sottolineando che “gran parte degli iscritti del Sole che ride saranno nelle strade, nelle piazze e nei mercatini per verificare la presenza di bancarelle dove si vendono per avvisare immediatamente le forze dell’ordine, trasformandosi in una sorta di sentinelle e augurandosi che le forze dell’ordine siano pronte a intervenire e non sottovalutino i rischi legati alla vendita e all’uso di prodotti pericolosi”.“Nella notte di San Silvestro e a Capodanno, invece, saremo nelle strade sia per segnalare e far rimuovere i botti inesplosi che per aiutare gli animali feriti” ha concluso Borrelli per il quale “negli ultimi anni c’è stata una progressiva diminuzione dell’uso dei botti illegali e dei feriti, ma non bisogna abbassare la guardia e far calare sempre di più un fenomeno ingiustificabile anche attraverso l’adozione di divieti da parte dei Sindaci che devono condividere questa battaglia così come hanno già fatto tanti primi cittadini in Italia”.Non mancano iniziative innovative come quella di Patrizia Cipullo, animalista e attivista dei Verdi, che ospiterà a casa sua animali che sarebbero soli nella notte di San Silvestro per farli stare tranquilli quando si spareranno i fuochi e i botti. Un esempio seguito anche da altri e che potrebbe diventare un’abitudine nei prossimi anni.Alla presentazione dell’iniziativa erano presenti vari rappresentanti istituzionali dei Verdi e di associazioni ambientaliste e animaliste, tra cui i consiglieri comunali di Napoli, Stefano Buono e Marco Gaudini, il consigliere provinciale e comunale di Avellino, Gianluca Festa, il consigliere metropolitano di Napoli, Paolo Tozzi, i portavoce regionale, Vincenzo Peretti e Benedetta Sciannimanica, la portavoce cittadina, Stefania Zenga, la componente dell’esecutivo regionale, Fiorella Zabatta, il delegato provinciale della Lipu, Fabio Procaccini, e Augusto Lacala, patròn di Bidonville.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments