Farmacia3

NAPOLI – “Se tutti seguissero l’esempio della famiglia Schettini, Napoli avrebbe un volto migliore e attirerebbe ancor di più i turisti che hanno ripreso a scegliere la nostra città per le loro vacanze, attratti dalle bellezze naturali e da quelle artistiche e culturali”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha incontrato Lorenzo Schettini, rappresentante di una dinastia di farmacisti, giunta ormai alla settima generazione in via dei Tribunali, raccontando la sua storia a La radiazza di Gianni Simioli.

“Hanno deciso di ristrutturare l’antica insegna della farmacia, restaurando anche il muro su cui poggia la tabella, per restituirle l’immagine originaria” hanno precisato Borrelli e Simioli sottolineando che “come ha ricordato lo stesso Schettino ci sono anche diverse agevolazioni fiscali per quanti decidono di fare interventi del genere con risparmi che arrivano oltre il 40% delle spese sostenute”.“L’esempio di Schettini dovrebbe essere seguito anche da tanti altri commercianti e imprenditori napoletani, soprattutto quelli che hanno la fortuna di avere attività storiche, che dovrebbero cominciare ad avere maggior cura per gli immobili dove hanno la loro attività perché ne riceverebbero vantaggi loro stessi e la città che riavrebbe la sua storia” hanno aggiunto Borrelli e Simioli sottolineando che “chiaramente tutti gli interventi, soprattutto quelli che riguardano zone storiche della città, devono essere eseguiti seguendo tutte le indicazioni degli enti preposti, per fare i lavori nel pieno rispetto della storia e della cultura del nostro territorio, così come hanno fatto gli Schettini che si sono affidati a Deborah De Vincenzo, un’architetta specializzata in recuperi del genere che ha prima studiato attentamente il lavoro da fare e poi ha controllato che tutto fosse realizzato secondo le sue indicazioni per rispettare e riproporre la struttura originaria”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments