NAPOLI – “La Giunta Regionale dica quali iniziative intende adottare per assicurare un futuro alle aziende operanti nel settore dei trasporti privati e quali richieste in tal senso intende avanzare al Governo centrale.” E’ quanto chiede il Consigliere regionale di Italia Viva, Francesco Iovino, vice presidente della Commissione trasparenza, in un’interrogazione al Governatore, Vincenzo De Luca, nella qualità di assessore regionale ai trasporti.

“L’emergenza sanitaria, determinata dalla diffusione del virus Covid 19, – scrive Iovino nell’atto di sindacato ispettivo – ha determinato una serie di provvedimenti che hanno ridotto drasticamente il volume di affari delle aziende operanti nel settore dei trasporti privati. Dati alla mano, è emerso che da quando nel Paese sono state introdotte le prime limitazioni alla circolazione di persone, il settore dei trasporti privati ha subìto una perdita che si aggira oggi intorno al 90% del volume di affari pre Covid. Un dato che – osserva Iovino – è ancora più grave in Campania dove l’incidenza del turismo nell’economia locale è più che significativa.”

“La ripresa che si sarebbe dovuta avere nell’estate del 2020 – aggiunge il Consigliere regionale – è stata stroncata sul nascere dalla repentina salita dei contagi che ha indotto le Autorità di governo e sanitarie ad assumere ulteriori provvedimenti restrittivi della circolazione. Tali provvedimenti assunti durante l’estate 2020 hanno impedito alle aziende operanti nel settore dei bus privati di ricevere quell’ossigeno che avrebbe dovuto assicurarne la sopravvivenza.”

“Molte aziende sono ormai in procinto di chiudere e le associazioni di categoria del settore hanno a più riprese manifestato lo stato di crisi nel quale versano, chiedendo alle Istituzioni interventi che vadano oltre ristori del tutto insufficienti, se non del tutto irrilevanti a fronte delle esposizioni debitorie delle aziende associate.”

“Il Governo regionale, in linea con l’azione già posta in essere dal Presidente De Luca, dovrebbe intervenire sul Governo centrale affinché questo maturi la consapevolezza che l’economia della Campania è legata in larga parte al turismo e che urgono misure a favore delle aziende di trasporti in termini di detassazione, decontribuzione, sospensione dei mutui, e provvedimenti a sostegno che abbiano una reale consistenza e consentano a chi ha investito somme ingenti di non essere costretto a portare i libri in tribunale.”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments