NAPOLI – Proseguono le attività di pulizia delle caditoie in città a cura dell’azienda Acqua Bene Comune in collaborazione con il Servizio Ciclo Integrato delle Acque e con la regia dell’assessorato all’Ambiente. Un programma di interventi partito lo scorso anno e che proseguirà fino a metà dicembre, per poi ripartire a gennaio. Un’attività, ha spiegato l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice, che viene svolta in supplenza delle Municipalità, cui spetterebbe la competenza, ma che è stata poi accentrata per le difficoltà operative e finanziarie dei territori. La pulizia delle caditoie, che viene affiancata da una serie di attività propedeutiche come la sostituzione di griglie o il rifacimento di chiusini, consente anche un monitoraggio della rete fognaria e il censimento dello stato degli impianti. Un’occasione che ha consentito anche di portare alla luce interventi abusivi che causano problemi alla rete. Per ottimizzare gli interventi, resta fondamentale la collaborazione della Polizia locale, che provvede a rimuovere le vetture in sosta nelle aree di intervento dei tecnici di ABC, altrimenti costretti a nuovi accessi con evidente dispersione di tempo e di risorse. La spesa sostenuta per le attività in corso, ha precisato Pasquale Speranza, direttore tecnico di ABC, consente di misurare l’entità degli interventi di manutenzione della rete. Oltre alla collaborazione della Polizia locale, è stato richiesto all’azienda di igiene urbana Asìa di garantire la pulizia in superficie delle zone di intervento, un aspetto fondamentale per prevenire nuove ostruzioni causate dalla presenza di fogliame che determina un “effetto tappo”. Sergio Colella (DemA) ha riproposto la questione della fuoriuscita di acque reflue in Via Campegna. Edmondo Albano di ABC ha spiegato che sono già partite le attività propedeutiche alla sostituzione delle tubazioni che collegano Via De Bonis a Via Coriolano. Si tratta comunque di un intervento complesso, che richiede tempi lunghi per poter realizzare tutte le attività in sicurezza, con costi notevoli a causa dell’instabilità del costone e del degrado dell’area. Il problema della diramazione delle acque – ha sottolineato Francesco Vernetti (DemA) – si pone anche a causa dell’insufficiente pulizia delle strade, peggiorata nel periodo autunnale dalla caduta del fogliame. Il consigliere ha chiesto inoltre chiarimenti sulla situazione di Via Posillipo, dove nella notte sono saltati tre tombini. Anche Sergio Colella è intervenuto sullo stesso argomento, chiedendo chiarimenti su Discesa Villanova, ubicata sempre nell’area di Posillipo. Per quella zona, ha chiarito Giancarlo Piccirillo dell’azienda idrica cittadina, esiste un problema di inadeguatezza del collettore fognario. Una situazione complessa, che vede un progetto per la sostituzione dell’ultimo tratto del collettore realizzato nel 2003 dall’Ufficio Ciclo Integrato Acque, progetto completato per la parte esecutiva tre mesi fa e poi trasmesso ad ABC. I tecnici dell’azienda sono ora al lavoro per includere i lavori nel ciclo delle opere finanziate dalla tariffa dei cittadini. Si tratta, in ogni caso, di una questione oltremodo complessa sia per la conformazione morfologica dell’area sia per i fenomeni di urbanizzazione che hanno investito quest’area della città. Due sono gli interventi necessari: la riqualificazione e la pulizia del collettore Donn’Anna, per la raccolta delle acque nella parte iniziale di Via Manzoni; la sostituzione dell’attuale collettore con un sistema di captazione multilivello che permetta alle acque piovane di defluire a mare, per la parte finale di Via Posillipo. Gli allagamenti nella zona, ha concluso l’assessore Del Giudice, non hanno a che fare con la pulizia delle caditoie. Sulla questione esiste un tavolo di concertazione con la Regione aperto in assessorato, e il cantiere che sarà necessario aprire per gli interventi sarà di notevole impatto sul territorio. Al termine il presidente Gaudini ha sollecitato i tecnici di ABC a far pervenire alla commissione l’elenco dettagliato dei lavori realizzati e pianificati per la pulizia delle caditoie.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments