NAPOLI – “Il tema dei rifiuti a Napoli è purtroppo sempre di attualità, ma occorre guardare al problema con un approccio diverso e sfruttando le possibilità che ci vengono date.

Il Piano d’azione per l’economia circolare della Comunità Europea e i fondi del PNRR mettono a disposizione delle comunità l’opportunità di uscire dal concetto di ciclo integrato dei rifiuti ed entrare nel concetto di economia circolare della materia –

Lo ha dichiarato Sergio D’Angelo, candidato sindaco di Napoli sostenuto dalle liste civiche “Tutto il bello di Napoli con Sergio D’Angelo”, “La Città che vogliamo con Sergio D’Angelo” e “Lista civica per Napoli – SiAmo Napoli”.

Il piano – ha spiegato – prevede che ogni municipalità debba dotarsi di un “ecodistretto” che utilizzando metodologie di selezione e processo ad alta compatibilità ambientale possa “allungare” la vita della materia e quindi ridurre la quantità dei rifiuti trasformando il materiale organico in compost di qualità da utilizzare per il miglioramento delle aree verdi pubbliche e di quelle coltivate.

Le restanti frazioni inviate ad un “laboratorio del riuso” dove provvederanno a riparare e rimettere sul mercato dell’usato mobili, piccoli elettrodomestici, telefonini, computer quando possibile, altrimenti recuperando dagli stessi i materiali di cui sono costituiti riavviandoli ad un nuovo ciclo produttivo.

Questo tipo di approccio al problema oltre che diminuire il costo e l’inquinamento della raccolta riducendone drasticamente le distanze ed i tempi permetterebbe lo sviluppo di nuove occasioni di investimento e lavoro in un settore in necessario e sicuro sviluppo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments