ANDREA SANTORO

NAPOLI – “Bonus fiscali ai proprietari di immobili che ospitano attività commerciali in crisi per alleggerire i canoni di locazione, zone franche urbane per alcune categorie economiche, detassazione per i prodotti nazionali per incentivare la produzione e quindi la occupazione, maggiori controlli in strada, tamponi su larga scala e potenziamento della sanificazione delle strade cittadine”. Sono solo alcune delle articolate proposte che Fratelli d’Italia ha avanzato al primo tavolo interpartitico promosso dal Vice Sindaco di Napoli Enrico Panini e dal capo di gabinetto del Comune di Napoli Ernesto Pollice. Alla videoconferenza è intervenuto il coordinatore cittadino di Giorgia Meloni, Andrea Santoro, a nome di una intera classe dirigente che nei giorni scorsi si è impegnata a scrivere le proposte di Fratelli d’Italia.

“Questo incontro interpartitico -ha commentato Andrea Santoro- è una novità positiva, ci auguriamo che non sia un atto sporadico ma l’inizio di un percorso responsabile che possiamo fare tutti insieme, senza nascondere le critiche ma anche sforzandoci di trovare le possibili condivisioni su quello che serve alla città di Napoli per uscire dalla crisi economica che deriva dalla pandemia. Non sfugge a nessuno che il territorio partenopeo, per il suo particolare tessuto economico incentrato sul piccolo commercio e sul turismo, è tra quelli più colpiti dalla crisi. L’Amministrazione Comunale però deve mettere in campo una capacità di ascolto che finora è mancata”.

“Fratelli d’Italia -ha proseguito Santoro- intende fare la sua parte, il documento elaborato, frutto del lavoro composito di numerosi dirigenti, economisti e esperti in materia sanitaria, vuole entrare nel vivo di quello che serve per stare concretamente al fianco dei nostri concittadini in difficoltà. Ad esempio i bonus fiscali: se un proprietario di immobile ha come inquilino un operatore economico costretto a stare chiuso, può rinunciare ad alcune mensilità del canone di locazione a fronte di un bonus fiscale da spalmare in tre anni”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments