foto Massimo Pica

NAPOLI – “Il 24 la scuola ricomincia”. A dirlo il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca a margine dell’inaugurazione del cantiere per i lavori di riqualificazione della Zona Industriale di Salerno.

“Abbiamo rinviato di 10 giorni – ha spiegato il governatore – per ragioni molto semplici: perché non avevamo nessuna certezza per la fornitura dei banchi singoli, per la fornitura delle mascherine, per il numero dei docenti disponibili, per il numero dei supplenti, per il numero degli insegnanti di sostegno, per le aule disponibili per gli alunni.

Si stanno facendo gli screening per verificare eventuali positivi nell’ambito del personale scolastico. Il ministero della Pubblica Istruzione ha detto che gli screening del personale scolastico sono facoltativi. La Regione Campania ha deciso, invece, di renderli obbligatori e quindi questi 10 giorni in più ci devono servire per fare il test sierologico o i tamponi a tutti i 140.000 dipendenti della scuola, personale docente e non docente per dare sicurezza alle famiglie. Daremo sicurezza sanitaria e daremo una mano per riaprire con tranquillità le nostre scuole. Il 24 settembre dobbiamo aprire comunque ma ci auguriamo in condizioni migliori di quelle che abbiamo oggi davanti agli occhi”.

Coronavirus, scuola: il punto con la stampa

🔴 #CORONAVIRUS: ecco perché la abbiamo deciso di far slittare di 10 giorni l'inizio dell'anno scolastico, che partirà il 24 settembre. L'obiettivo è garantire la partenza in sicurezza per studenti, famiglie, docenti e personale scolastico.Seguiteci:

Pubblicato da Vincenzo De Luca su Lunedì 14 settembre 2020

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments