FUOCHI

POZZUOLI – Nella serata del 22 febbraio, come riporta il sito di notizie “Cronaca Flegrea” a Monterusciello è andato in scena uno spettacolo musicale dedicato al nipote di un boss.

Gennaro Cammino, detto Genny, nipote del boss di Pozzuoli Gennaro Longobardi dopo aver scontato 14 mesi di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso, ha festeggiato la propria scarcerazione con un concerto a base di cantanti neomelodici, tra cui Giacomo di Lauro, nella serata di sabato 22 febbraio nel cortile del civico 60 del lotto 4 in via De Curtis a Monterusciello.

Cammino, agli arresti domiciliari, ha assistito allo spettacolo con canzoni dedicategli, dal balcone della propria abitazione. Lo spettacolo si è concluso con l’esplosione di fuochi d’artificio.

“Naturalmente sembra che questo concerto, fuochi d’artificio inclusi, non avesse alcun permesso dal Comune di Pozzuoli e questa di portare avanti spettacoli senza permessi è una pratica diffusa negli ambienti neomelodici legati alla camorra.

A chi inneggia alla camorra e alla malavita, in maniera esplicita od implicita che sia, non dovrebbe essere consentito di esibirsi perché la criminalità organizzata non è un fenomeno da esaltare e celebrare ma è da condannare aspramente e da combattere.

Allora facciamo in modo che tutti i concerti dei neomelodici senza permessi siano annullati, che si verifichino ogni volta se sussistano ambienti legati alla camorra e blocchiamo chiunque voglia omaggiare i boss e i detenuti per reati di stampo mafioso.” – ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

A Monterusciello spettacolo, con neomelodici e fuochi d’artificio senza permessi, dedicato al nipote, appena scarcerato, del boss di Pozzuoli.

A Monterusciello spettacolo, con neomelodici e fuochi d’artificio senza permessi, dedicato al nipote, appena scarcerato, del boss di Pozzuoli. Borrelli: “Fermiamo chi omaggia i camorristi e i neomelodici legati alla criminalità.” Nella serata del 22 febbraio, come riporta il sito di notizie “Cronaca Flegrea” a Monterusciello è andato in scena uno spettacolo musicale dedicato al nipote di un boss.Gennaro Cammino, detto Genny, nipote del boss di Pozzuoli Gennaro Longobardi dopo aver scontato 14 mesi di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso, ha festeggiato la propria scarcerazione con un concerto a base di cantanti neomelodici, tra cui Giacomo di Lauro, nella serata di sabato 22 febbraio nel cortile del civico 60 del lotto 4 in via De Curtis a Monterusciello.Cammino, agli arresti domiciliari, ha assistito allo spettacolo con canzoni dedicategli, dal balcone della propria abitazione. Lo spettacolo si è concluso con l’esplosione di fuochi d’artificio.“Naturalmente sembra che questo concerto, fuochi d’artificio inclusi, non avesse alcun permesso dal Comune di Pozzuoli e questa di portare avanti spettacoli senza permessi è una pratica diffusa negli ambienti neomelodici legati alla camorra. A chi inneggia alla camorra e alla malavita, in maniera esplicita od implicita che sia, non dovrebbe essere consentito di esibirsi perché la criminalità organizzata non è un fenomeno da esaltare e celebrare ma è da condannare aspramente e da combattere. Allora facciamo in modo che tutti i concerti dei neomelodici senza permessi siano annullati, che si verifichino ogni volta se sussistano ambienti legati alla camorra e blocchiamo chiunque voglia omaggiare i boss e i detenuti per reati di stampo mafioso.” – ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Mercoledì 26 febbraio 2020

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments