26220026_10213323596218568_3245227432966020628_n

POZZUOLI – Sta diventando una foto virale sui social. Rimbalzata da Bacoli, in tutto il mondo. Si tratta dell’urlo agonizzante di un cefalo, immortalato sul fondale marino dei Campi Flegrei nell’aerea del Parco archeologico sommerso di Baia, dal fotografo Pasquale Vassallo.

In molti lo hanno paragonato al celebre urlo di Munch, ma gli ambientalisti, da questo scatto hanno rilanciato la campagna ambientalista per denunciare l’inquinamento sottomarino delle zone costiere partenopee denominato “ghost fishing”. Si tratta di quel fenomeno che colpisce gli animali marini, per lo più pesci che si ritrovano intrappolati in reti, cime e spazzatura.

{youtube}whd0VLbMXso&feature{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments