VERDI_GIUGLIANO

GIUGLIANO- “Il pronto soccorso è senza aria condizionata da una settimana e, per dare un po’ di respiro al personale sanitario e ai pazienti c’è un ventilatore, ma, al di là di questo problema, legato a un guasto temporaneo, la situazione che ho trovato dove si gestiscono le emergenze di quanti si recano all’ospedale San Giuliano di Giugliano è davvero preoccupante, al punto che sembra di essere finiti in un ospedale da campo e non nel pronto soccorso di un paese civile”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, che, questa mattina, insieme al portavoce regionale, Vincenzo Peretti, ha fatto un blitz nel pronto soccorso dell’ospedale di Giugliano, su sollecitazione dei Verdi dell’area, tra cui il consigliere comunale Giuseppe D’Alterio e il portavoce dell’area giuglianese, Giovanni Sabatino.

“I lavori per il nuovo pronto soccorso non sono ancora terminati e, tra l’altro, si pongono molti dubbi sulla scelta di mettere vicini il centro di medicina legale e l’emergenza di un ospedale che serve centinaia di migliaia di potenziali pazienti” ha aggiunto Borrelli per il quale “forse sarebbe stato meglio pensare a una dislocazione diversa”.“In ogni caso, quando saranno completati i lavori, resteranno comunque i problemi legati alla mancanza di personale visto che, al momento, come ci ha detto il primario del pronto soccorso, il dottor Ruocco, non ci sono medici di ruolo, ma solo contrattisti, e anche gli infermieri e gli operatori socio sanitari sono in numero inferiore a quelli previsti e necessari” ha concluso Borrelli per il quale “bisogna controllare affinché siano rispettati i tempi di consegna dei nuovi locali, ma, nel frattempo, bisogna garantire un’assistenza adeguata ai pazienti e ambienti di lavoro decenti oltre a lavorare per far sì che alcuni dei nuovi assunti previsti dallo sblocco parziale del turn over possano essere destinati al pronto soccorso di Giugliano”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments