21.9 C
Napoli
giovedì 26 Maggio 2022

Ctp, bus fantasma a Pozzuoli scoppia la protesta

-

POZZUOLI – “La situazione drammatica in cui versa la Compagnia trasporti pubblici di Napoli (Ctp) della città metropolitana sta causando inaccettabili penalizzazioni a migliaia di cittadini di Napoli e Provincia. Ho rappresentato al Presidente della Commissione Trasporti della Regione Campania, Luca Cascone, la necessità di mettere in campo tutte le risorse necessarie per aiutare la città metropolitana a trovare soluzioni rapide a superare questo stato di agonia della compagnia di trasporti che si riverbera in modo pesante sull’utenza. A Pozzuoli e a Monteruscello i residenti non riescono più nemmeno a svolgere i servizi essenziali come fare la spesa, andare alla Posta oppure in banca. Anche l’ospedale La Schiana è praticamente irraggiungibile senza mezzi privati, come denunciato da molti cittadini. Una situazione che non può andare oltre”. Queste le parole del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto le segnalazioni di protesta dei residenti di Pozzuoli.

“Oramai il P11 nero, il P11 rosso, il P1 sono bus fantasma. Da due mesi non se ne vede più nemmeno l’ombra – denuncia Lucia Niola residente a Monteruscello e portavoce dei cittadini della zona – e sono mezzi essenziali per andare alla posta, in banca e per raggiungere l’ospedale. Gli anziani sono completamente tagliati fuori dalla vita sociale e anche noi spesso dobbiamo aspettare figli e mariti che ci accompagnino a fare la spesa o a ritirare la pensione. Muoversi tra Pozzuoli, Arco Felice, Toiano è diventata un’avventura impossibile. Per assistere mia nonna che vive a Toiano devo spendere ogni volta 35 euro di taxi. Così non si può più vivere. Ci devono dire se Ctp sia fallita o meno e come intendono sostituire un servizio pubblico essenziale che non esiste più”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x