BACOLI – “Esprimo la mia vicinanza agli operatori del settore turistico e nautico di Bacoli e, in particolare, a tutti coloro che operano lungo la litoranea di Miliscola e Miseno, zona che dallo scorso 8 maggio, a seguito di un’ordinanza sindacale, vede inibite la maggior parte delle aree parcheggio presso gli stabilimenti balneari e le aree di ormeggio delle imbarcazioni”. E’ quanto afferma in una nota Pasquale Di Fenza, Capogruppo e Consigliere regionale dei Moderati in Campania. “Terreni che, sottoposti a vincolo paesaggistico con destinazione urbanistica agricola, hanno un doppio utilizzo da oltre quarant’ anni: utilizzati per colture nel periodo invernale ed adibite a parcheggio nel periodo estivo. Dette aree, ad oggi, non possono essere autorizzate ad attività di natura commerciale, in quanto, l’amministrazione comunale è in ritardo con il completamento del PUC – Piano Urbanistico Comunale, che doveva essere ultimato nel dicembre 2020. E’ doveroso evidenziare un’inefficienza da parte dell’Amministrazione che fa capo al Sindaco Della Ragione, in quanto, in un momento storico economico così complesso, avrebbe dovuto velocizzare lo strumento urbanistico per evitare eventuali forme di illegalità. Ad oggi questa situazione non agevola la ricettività turistica del luogo. Ritengo quindi – conclude Di Fenza – sia necessaria un’immediata risoluzione della problematica relativa ai parcheggi, per consentire a imprenditori e lavoratori della zona, già provati dalla crisi dopo circa un anno di inattività, la regolare ripresa nello spirito della legalità”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments