POZZUOLI – Il monitoraggio quotidiano dei casi di contagio in Campania, fa rilevare la presenza di interi gruppi familiari positivi.

La situazione è preoccupante in alcune realtà della provincia di Napoli, dove nei giorni scorsi si sono registrati comportamenti poco responsabili da parte di gruppi di cittadini.

Si registrano 61 casi a Casoria; 58 a Giugliano; 52 a Pozzuoli; 52 a Marano; 49 ad Afragola; 36 a Frattamaggiore e Frattaminore (10), per un totale di 308 contagi. L’Asl Napoli 2 è impegnata in un lavoro straordinario per ricostruire la catena di rapporti avuti dai contagiati, ed evitare la diffusione dell’epidemia. Ma è necessario avere comportamenti rigorosi, e non i rilassamenti che in quei territori si sono registrati, con centinaia di persone in mezzo alle strade. Invito le Forze dell’ordine, le unità dell’Esercito, le Polizie municipali a sviluppare il più rigoroso controllo per contrastare atteggiamenti scorretti.
L’Asl Napoli 1 è impegnata a contenere, con i necessari controlli territoriali, un focolaio di contagio che è emerso nella città di Napoli, nell’area del Vomero. È urgente anche qui, ampliare e rendere rigorosi i controlli.
Dovrebbe essere chiaro a tutti che i comportamenti scorretti offendono e danneggiano la stragrande maggioranza dei cittadini che rispetta le regole con grande spirito di sacrificio. Così come dovrebbe essere chiaro che più si è responsabili, prima finisce questa emergenza. È evidente che il permanere di situazioni di rischio renderebbe inevitabili misure territoriali di quarantena ancora più pesanti.

Sono già 380 i tamponi effettuati sul personale in servizio all’ospedale civile di Pozzuoli e altri sono in corso di effettuazione. E’ quanto comunica la direzione dell’ospedale a seguito degli eventi dei giorni scorsi, con l’ospedale paralizzato per epidemia generalizzata da Covid 19, e agli accordi con i sindaci dell’area flegrea per fronteggiare la crisi sanitaria.

In 23 casi si sono avuti riscontri positivi al Covid19. Si tratta, di fatto, del maggior numero di tamponi effettuati in Campania su una piccola comunità lavorativa ad alto rischio quale è quella del personale ospedaliero. Nel contempo il direttore sanitario dell’Asl Napoli 2 Nord, Monica Vanni, affiancherà la direzione sanitaria dell’ospedale, Santa Maria delle Grazie. Ciò per garantire in tempi rapidi la gestione dei controlli sanitari sul personale, permettere la sanificazione dei reparti e garantire al meglio e nella massima sicurezza la riapertura del Pronto Soccorso.

Sono state attivate le procedure di sanificazione dei locali e degli ambienti dell’Ospedale Monaldi, a Napoli, dopo che sono stati riscontrati dei casi di positività tra il personale del nosocomio.
L’Azienda ospedaliera dei Colli, che comprende Monaldi, Cto e Cotugno, ha disposto anche tamponi e test rapidi per il personale.(ANSA)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments