Pozzuoli, al via l’abbattimento dell’ecomostro “Vicienzo a Mare”: nascerà una terrazza con vista su Ischia (VIDEO)

0

POZZUOLI – Dopo 40 anni il ristorante Vicienzo a Mare diventa storia passata remota di Pozzuoli.

Da oggi ruspe e escavatori finalmente stanno sgretolando l’ecomostro che per anni ha deturpato il lungomare Pertini.

Al suo posto nei piani del comune sarà allungata la passeggiata vista mare e al posto dello scheletro in cemento sarà costruita una rotonda sul mare con fontana e vista panoramica su Ischia.

Un progetto che non si ferma sul lungomare ma che nei piani dell’amministrazione prosegue con un prolungamento della passeggiata verso la Darsena.

I lavori che dovrebbero terminare in poche settimane sono stati finanziati dal fondo Più Europa.

“Per la città è un evento storico, da ricordare nel tempo. Dopo anni di battaglie e di controversie burocratico-giudiziarie, giungiamo al tanto atteso epilogo, dichiara il sindaco Vincenzo Figliolia.

L’ecomostro finalmente va giù e potremo avere una linea di costa libera e pulita.

Noi ci abbiamo creduto fin dal giorno in cui abbiamo inserito il progetto di abbattimento nel Programma PIU Europa e con determinazione siamo giunti alla conclusione più logica che ci poteva essere, nonostante ci fosse chi pensava che l’edificio potesse essere recuperato o rigenerato in chissà quale attività.

La nostra visione è questa ed è una visione di armonia e bellezza, altro che “deserto” come qualcuno ha affermato! Andava fatto ogni sforzo possibile per eliminare una tale bruttura. Riportare la vita in questo luogo per noi significava poter consentire a tutti di godersi questo angolo del territorio accanto al mare – aggiunge il primo cittadino -.

Questo scheletro di cemento è stato per anni là, inutilizzato, a mortificare il territorio e il paesaggio. Costituiva oltretutto un pericolo pubblico perché più volte qualcuno ci è salito su mettendo a rischio la propria incolumità. Ora potremo finalmente completare la passeggiata sul lungomare, con un unicum che va da via Napoli ai piedi del Rione Terra.

Ringrazio la maggioranza che un anno fa diede il via libera in Consiglio comunale alla demolizione del manufatto e tutti quelli che hanno permesso di giungere a questo risultato.

Il sogno diventa realtà. Guardiamo al futuro con fiducia”.

Quella dell’ex Vicienzo a Mare è una storia lunga e controversa, che prende origini nel 1600, quando i frati Cappuccini costruirono in quel punto il loro convento. Due secoli dopo la struttura fu lasciata, per gli effetti del bradisismo e le erosioni del mare.

A fine Ottocento un ristoratore la rilevò e ne fece una trattoria, che negli anni a seguire passò alla storia come “Vicienz a Mmare”, luogo ambito anche da noti registi come set cinematografico.

Il ristorante chiuse nel 1973 e fu demolito.

Ma negli anni Ottanta del secolo scorso, i nuovi proprietari chiesero di ricostruire l’immobile per farne un centro polivalente, ma il progetto si fermò alla realizzazione dello scheletro di cemento, rimasto così fino ad oggi.

Dopo decenni di abbandono, nel 2013 l’amministrazione Figliolia decide di inserire il progetto dell’abbattimento tra gli interventi aggiuntivi del PIU Europa.

Progetti che vengono accolti e finanziati dalla Regione Campania. In quello stesso periodo c’è una nota della Soprintendenza che sottolinea l’inattendibilità da un punto di vista paesaggistico dell’opera che si intendeva realizzare, rimarcando che la riqualificazione dell’area non potesse in alcun modo prescindere dall’abbattimento del manufatto.

C’è quindi un primo tentativo di esproprio del manufatto ma i proprietari non accettano la proposta del Comune. Inizia così il contenzioso sulla liceità edilizia dell’opera: il Tar dà ragione al Comune, mentre il Consiglio di Stato in ultima analisi ribalta la decisione, affermando che l’opera non è abusiva e per essere abbattuta devono essere prima risarciti i proprietari.

Poi nel dicembre 2020 la decisione definitiva del Consiglio comunale, che approva la “variante semplificata” che permette di giungere alla demolizione dell’ecomostro. Al suo posto ci sarà una piazza a mare con passeggiata, panchine e una fontana.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments