SOMMA VESUVIANA – “L’evento svoltosi in Piazza Mia Martini a Rione Trieste rappresenta una grande novità e una svolta in quanto diverse associazioni si sono unite per portare un messaggio di socializzazione attraverso la musica. Insieme abbiamo avuto l’Universo di Mimì che ogni anno organizza il Festival dedicato a Mia Martini oramai di richiamo nazionale, ma anche le Donne della Tammorra, il Coro “Gaetano Di Matteo” che spesso è protagonista del messaggio culturale nelle periferie. Ecco questo fermento deve continuare nell’interesse di Somma Vesuviana”. Lo ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano, a margine dell’evento musicale “Concerto in LA Minore” con omaggio alla musica italiana all’insegna anche delle tradizioni popolari che ha visto insieme il Coro “Gaetano Di Matteo”, Universo di Mimì con il Patrocinio del Comune di Somma Vesuviana, Assessorato agli Eventi e la partecipazione straordinaria di Pino Iove, Accademia delle Tradizioni Etnostoriche, Zi’ Riccardo e le Donne della Tammorra. Hanno presentato la serata Ciro Castaldo e Lucia Terracciano.

Da Somma Vesuviana il Laboratorio della Creatività

“Finalmente a Somma Vesuviana è iniziato un fermento culturale che non ha precedenza. Somma ha sempre ospitato ed avuto eventi culturali ma abbiamo un calendario ampio in grado di dare voce a tutta Somma Vesuviana. Ieri sera lo abbiamo fatto con Universo di Mimì – ha dichiarato Rosalinda Perna, Assessore agli Eventi del Comune di Somma Vesuviana – associazione dedicata a Mia Martini e con il Coro “Gaetano Di Matteo” che diffonde il valore del canto. Ma non abbiamo dimenticato la tradizione popolare. Le associazioni che operano sul territorio propongano progetti, idee, iniziative per dare vita al Laboratorio della Creatività. Da Somma Vesuviana lanciamo il Laboratorio della Creatività perché la cultura non è anche il vivere la musica in collettività”.

“Io nella mia vita sono docente di italiano – ha affermato Rosa Coppola, Direttrice del Coro “Gaetano Di Matteo” – ma con il coro “Gaetano Di Matteo” portiamo il canto, la musica nelle periferie. Dunque attraverso il canto, la musica, cerchiamo di trasmettere ovunque i valori della cultura”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments