titty-astarita

NAPOLI – “La scelta di Titty Astarita ci ha lasciato esterrefatti. Ci addolora la sua perseveranza nel rifiutare il passo indietro richiestole, soprattutto perché dopo un anno di partecipazione alle vicende dell’Afro-Napoli, in un ruolo chiave di rappresentanza, le dovrebbe essere stato chiaro che quella candidatura la poneva fuori dal perimetro dell’idee-guida che sono alla base del nostro sodalizio”.

Questo il commento dell’Afro Napoli United alla decisione di mettere fuori squadra Titty Astarita, che si è candidata nel Comune di Marano (Napoli) con una lista alleata con la Lega.

Una scelta che non trova d’accordo alcuni esponenti politici locali.

“È indegno – scrive il vice coordinatore campano di FI, Severino Nappi – che l’impegno civile venga ostacolato”. Anche dal centrosinistra arrivano critiche: “Esistono – si chiede il consigliere comunale a Napoli Pd Diego Venanzoni – politiche societarie nello sport che impediscono a chicchessia di godere dei diritti fondamentali costituzionalmente garantiti?”.

“Quando mi hanno detto che avrei dovuto scegliere sono rimasta senza parole. Mi sono candidata con una lista civica, non sposo le politiche di Salvini e non mi farei un selfie con lui” dice all’ANSA Titty Astarita, calciatrice messa fuori rosa dall’Afro Napoli United dopo la decisione di candidarsi al Consiglio di Marano con una lista civica alleata con Salvini.

“Avrei capito se mi avessero chiesto di restituire la fascia di capitano,non mi aspettavo mi chiedessero di ritirare la candidatura per restare”.(ANSA)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments